Consigli di lettura, “Il sari rosso”, storia di Sonia Maino Gandhi

bb5e21bb25db839356fadc32a50c836e

Esce oggi in libreria Il sari rosso, l’ultimo libro dell’ottimo Javier Moro, che racconta la storia di Sonia Maino Gandhi. Il libro è pubblicato da Il Saggiatore e costa 18.50 €. Ecco la presentazione dal sito
Cambridge, 1965. Due ragazzi si conoscono e si innamorano.
Lei è Sonia Maino, italiana nata da una famiglia semplice. Lui è Rajiv Gandhi, figlio di Indira e nipote del Pandit Nehru, il fondatore, insieme al Mahatma Gandhi, dell’India moderna. I due si sposano, Sonia indossa un sari rosso – il colore delle spose indiane –, quello stesso sari filato e tessuto in carcere da Nehru per le nozze della figlia Indira.
Nel 1984 Indira, al suo secondo mandato come primo ministro, perde la vita in un attentato. Le succede il figlio. La tragedia incombe: nel maggio del 1991 Rajiv viene assassinato da un commando delle Tigri Tamil. Nel 1995 avviene l’impensabile. Sonia, mai mossa da ambizioni politiche, vissuta sempre all’ombra del marito e della suocera, accetta il ruolo di leader del Partito del Congresso. Quattro anni dopo, verrà eletta in Parlamento e porterà alla vittoria il suo schieramento nelle elezioni del maggio 2004 e 2009.
Sonia Maino diventa una delle donne più influenti del pianeta, conservando il suo obiettivo iniziale: la lotta alla povertà. Si fonderà con il suo nuovo paese, e l’India prodigiosa, che adora milioni di divinità, che parla ottocento idiomi e vota cinquecento partiti politici, la trasformerà in una dea.
Con una scrittura epica e carica di sensualità, sulla scia di Stanotte la libertà di Dominique Lapierre e Larry Collins, Javier Moro ricostruisce nel suo Sari rosso la storia memorabile e appassionante dell’«italiana» diventata «figlia dell’India».

javiermoro1
Conosco Javier, e questo è il suo unico difetto. Sono legato a lui e soprattutto a questo libro, che ci ha fatto conoscere quando lui è venuto a Delhi in cerca di notizie e mi contattò (grazie ad uno studioso italiano di India, o forse dovrei dire Lo studioso italiano di India) essendo stato io l’unico giornalista ad intervistare la vedova di Rajiv. Mi ha presentato Dominique Lapierre, altro grandissimo scrittore. Stimo molto Javier sia come persona (soprattutto per il suo impegno nei confronti di “ultimi”, come i cittadini di Bhopal e i tibetani) sia come scrittore. Conosco gli altri libri di Javier e vi consiglio vivamente di acquistarli. Dopo aver presentato “Il sari rosso” a Milano, Javier è oggi a Roma e parteciperà stamattina a Radio3mondo Di seguito la recensione del libro pubblicata dall’Ansa (non mia). .

Javier Moro va direttamente al cuore dell’India contemporanea nel suo nuovo romanzo, ‘Il sari rosso’, in uscita giovedì in italiano per il Saggiatore (pagine 588, 18,50 euro). Lo scrittore e giornalista spagnolo ha già raccontato il paese altre volte, facendone quasi una ‘patria letteraria’ (tra gli altri, ‘Mezzanotte e cinque a Bhopal’, del 2001, scritto con Dominique Lapierre; e ‘Passione indiana’, del 2006). Ma qui narra l’avventura personale di Sonia Gandhi affrontando così la saga della famiglia Nehru-Gandhi e l’epopea di un’intera nazione. Quella de ‘Il sari rosso’ è innanzitutto una straordinaria biografia e in fondo una storia anche tutta italiana, per quanto poco nota: quella di Sonia Maino, nata a Lusiana (Vicenza) e cresciuta a Orbassano (Torino), prima di andar sposa nel 1968 a Rajiv Gandhi, figlio di Indira e nipote di Jawahrlal Nehru. Il sari del titolo è quello indossato alle nozze da Sonia, dopo esser stato già l’abito da sposa di Indira, filato per lei da Nehru durante la prigionia. Dall’incontro tra Sonia e Rajiv a Cambridge nel 1965, nel corso degli anni questa biografia si intreccia così in modo indissolubile con la storia dell’India, attraverso le vicende di una donna e di una famiglia dove la politica è destino e anche tragico fato, replicato dopo la violenta morte di Indira (1984), anche da quella di Rajiv (1991), ucciso da un commando Tamil. “In tutta la mia vita mi sono sentito vicino ai Ghandi – racconta Javier Moro, in questi giorni a Milano per l’uscita del romanzo in Italia -, forse perché mio zio Dominique Lapierre mi parlava molto di Indira, erano amici. Ero a Delhi nel maggio del 1991 quando ci fu l’assassinio di Rajiv e vidi in diretta la prima scena del libro, quella dove racconto la cremazione di Rajiv. Mi commosse l’immagine di Sonia, questa vedova così giovane, così disperata, così triste che vedeva partire i suoi sogni, tutta la sua vita andar in fumo assieme alle ceneri di suo marito. Mi dissi che sarebbe stato bello raccontare la storia di questa famiglia dal punto di vista di Sonia, di un’italiana, un’europea, un’occidentale. Un punto di vista per capire meglio il complicato mondo dell’India. Ma in quel momento la storia non aveva finale, perché era così triste da non averne uno. Lasciai la storia da parte fino al 2004 quando Sonia vinse le elezioni generali e allora pensai che finalmente aveva un buon finale. Una italiana – continua Javier Moro – senza studi superiori, timida, riservata e che odia la politica, anche perché la politica ha portato via tutto quello che amava, finisce per vincere le elezioni in un Paese dove abita un sesto dell’umanità e si converte senza volerlo nella donna più potente dell’Asia, secondo la rivista Forbes la donna più potente del mondo”. Il testo è frutto di tre anni di pazienti ricerche, racconta con passione Javier Moro, svolte senza alcuna collaborazione da parte dei Gandhi, riservati e restii a parlar del privato. E anche di fortunate coincidenze, come l’incontro con la segretaria di Indira per oltre due decenni, Usha Bhagat, o con Christian von Stieglitz, l’amico che fece conoscere Rajiv Gandhi e Sonia Maino, scovato quasi per caso dallo scrittore. In futuro Javier Moro pensa a un romanzo ambientato in Brasile. Quanto all’India, “sono convinto che Rahul (figlio di Sonia e Rajiv, ndr) sarà il prossimo primo ministro e sarà la quarta generazione della stessa famiglia alla guida del paese”.

About these ads

24 commenti

Archiviato in Diario indonapoletano

24 risposte a “Consigli di lettura, “Il sari rosso”, storia di Sonia Maino Gandhi

  1. linco il tuo pezzo sul gruppo Un filo d’India di Anobii ^_^
    molto interessante!

  2. Nello

    Grazie, è un piacere essere linkato.

  3. sonia

    ciao, scopro il tuo blog oggi anche se nelle peregrinazioni in rete mi era più volte capitato di leggere di un blog indonapoletano. E così, eccomi qui. complimenti. Interessandomi di cultura, letteratura e geopolitica orientali questo libro, e il tuo blog in generale, sono interessantissimi per me.
    grazie ancora
    sonia

  4. sonia

    Ah, ecco dove ti avevo trovato, sul blog di Niki.
    sonia

  5. Nello

    Grazie, Sonia, grazie. Si, Niki è una amica. Anni fa avrei potuto dire “un’amica di penna”. Oggi direi “un’amica di rete”. Non ci siamo mai incontrati, ma abbiamo scoperto “affinità elettive”. Non a caso sia lei che io in questo periodo stiamo sperimentando problemi familiari seri. Passerà. Grazie ancora.

  6. Nello, le affinità e le amicizie restano anche dopo.
    Rimangono, a mio avviso, nel calore che uno sente quando pensa a qualcuno che ci vuole o ci ha voluto bene, e al quale vogliamo o abbiamo voluto bene.

    Rimangono nell’energia positiva che creano/hanno creato, nelle opere positive, nella circolazione di bene che creano. Anche e soprattutto nei momenti difficili.

  7. Nello

    Enrica, e come darti torto?

  8. vanna

    posso sapere chi è Lo studioso italiano di India? Vivo attivamente nel mondo degli studi italiani sull’India da più di 40 anni e mi sembra che ci siano almeno 5 o 6 studiosi italiani meritevoli dell’articolo determinativo maiuscolo (e mi limito alle generazione di oggi…). Grazie dell’attenzione VS

  9. Nello

    Si Vanna hai ragione, anch’io ne ho conosciuti diversi. Chi mi ha aiutato molto in quetsi anni (grazie ai propri scritti) sono stati, rigoroso ordine alfabetico, Amirante, Basile e Torri; Consolari e Giunchi per Pakistan e altri per altre zone o altri argomenti, come Restelli e Garzilli. Ovviamente, per il mio lavoro, no ho “sfruttato” linguisti. Questi nomi sono quelli delle persone da cui ho saccheggiato spessissimo, ce ne sono altri che ammiro e apprezzo dei quali ho letto poco per poter esprimere giudizi. Uno di questi che ho citato, attraverso il suo libro, mi ha “iniziato” ed è quello a cui mi riferisco. Lascio a te scoprirlo:-)
    Nello

  10. sonia

    nello, so bene cosa sta passando Niki. ci sono passata io sette mesi fa.
    Comunque anch’io credo che la rete possa dar luogo a felici scambi. in questi anni mi sono sempre tanto preoccupata per lei e per la situazione del paese in cui vive, che io tanto amo e che tanti problemi dà a lei.
    Vivere a Dehli non deve essere sempre semplice.
    Sono stata lì appena un mese fa..che coincidenze.
    Quella dell’India e del Nepal è però una coincidenza che mi capita spesso…….:)

  11. Cara Sonia, come in Nepal, la vita in India non è semplice, anzi, peggiora sempre. Le visite saltuarie ti fanno innamorare il paese, ma viverci sta diventando pesante. In Nepal è anche peggio, ma il problema maggiore spesso è la mentalità della gente, molto simile nei due paesi, oltre che i problemi quotidiani.
    L’India è una esperienza devastante, in tutti i sensi. E per questo non te ne stacchi mai.

  12. Troppo buono Nello! Una buona serata,

    Garzilli :)

  13. Grazie Nello, sei troppo gentile.

    Boh/Orientalia4All aka Enrica Garzilli

  14. Ho letto il libro ” Il Sari rosso” molto molto bello e sopratutto interessante un pezzo del mio cuore è volato in India e specialmente nella persona di Sonia Gandhi una grandissima Donna tutta la mia ammirazione sono orgogliosa di essere italiana come lei grazie Javier Moro

  15. Nello

    si, effettivamente il libro è molto bello e Sonia una gran donna. Io sono stato tra i pochissimi giornalisti al mondo ad averla incontrata. E’ una donna di gran fascino, oltre ad avere le qualità che l’hanno portata ad essere a capo di un paese importante e difficile come l’India e una delle donne più potenti al mondo.

  16. bossard angelina

    Sono italiana e nata a Lusiana , vivo in Francia
    ho conoschiuto la mamma di Sonia , sua cugina
    Paola di St. Caterina è una mia amica .
    Aspetto con impazienza di leggere il libro

  17. a.lina

    Sto leggendo il libro, interessantissimo.
    Ma perchè in Italia nessuno parla mai di questa donna talmente eccezzionale da essere a capo di un partito così importante..Io sono orgogliosa due volte una di essere italiana come lei e due, di avere il sangue veneto come lei….Complimenti Signora Gandhi per quello che è stata e per quello che sarà.

  18. Cara amica, purtroppo in Italia ci si interessa poco dell’India, te lo sottoscrive uno che da sei anni cerca di informare il nostro paese su quanto accade in questo straordinario continente.
    Grazie di seguirmi,
    nello

  19. bossard angelina

    come fare per avere il libro? ?

    Sono anch’io nata a Lusiana

    e conosco la sua famiglia

  20. In vendita in tutte le librerie, editrice Sonzogno.

  21. whats wrong with congress to held book even maoists can critisise constitution at mercy of congress-b-.At deep who is sonia

  22. congress mahatmas underground after his demiese becoming westernational with sonia congress orphanity

  23. RIGON ANGELINA

    Voglio leggere questo libro .Già da giovanissima ,guardavo con ammirazione questa Donna.Non mi sbagliavo,è riuscita a farsi amare da un popolo Grande ,è Veneta ,Vicentina,nata a Lusiana vicino a casa mia ,Breganze! Che dire?Ne sono orgogliosissima! GRANDE SONIA !

  24. Carla

    Nel vostro libro manca la parte di Sonia vissuta a Sangano (Torino)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...