In pensione anticipata la Kumari, la dea bambina

E’ andata in pensione a 11 anni la Kumari di Bhaktapur, citta’ nella valle di Kathmandu, considerata tra le tre piu’ importanti dee viventi del Nepal. Sanjani Shakya avrebbe avuto ancora pochi anni di deità, almeno, come prevede la regola, fino alla pubertà o fino a quando non si sia ferita.

La ragazza era stata già al centro l’anno scorso di polemiche per aver lasciato Bhaktapur alla volta degli Sati Uniti, nei quali aveva fatto un viaggio. Al suo ritorno si formarono due fazioni: da un lato coloro che chiedevano una modernizzazione della figura della Kumari e quindi la possibilità, vietata dalle regole, di lasciare il paese. Dall’altra i tradizionalisti che non avevano visto di buon’occhio questa scelta del viaggio.

La famiglia di Sanjani ha fortemente chiesto che la loro pupilla lasciasse il trono, dopo questi mesi di accese polemiche. E la scelta non è parsa vera all’organizzazione che gestisce la vita della Kumari, tanto che si sono subito messi alla ricerca di una nuova kumari, secondo le regole tradizionali.

Qui una serie di foto sul Nepal.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...