Nepal: il 60% ha votato, ma resta incognita maoisti

Oltre il 60% dei nepalesi hanno votato oggi per dotare il Nepal dell’assemblea costituente che dovra’ disegnare il nuovo paese repubblicano. Una giornata e una risposta dalla popolazione definita ‘entusiastica’ da molti osservatori internazionali e da politici e funzionari governativi nepalesi. Il presidente della commissione elettorale nepalese, Bhoj Raj Pokhrel, ha detto in serata che le procedure sono state ovunque rispettate e che c’e’ stata una buona risposta di cittadini, anche se il dato percentuale e’ inferiore di 7 punti alle elezioni politiche del 2002. Pokhrel ha definito le elezioni ”un grande successo” e ha spiegato che la percentuale di voto in molti distretti e’ stata ”piu’ alta delle previsioni”. Ma insieme alla soddisfazione per una giornata di democrazia dopo anni di tirannia, giornata che la missione nepalese delle Nazioni Unite ha definito ”un giorno di successo”, il presidente della commissione elettorale ha dovuto registrare la chiusura di 33 seggi con conseguente rinvio delle elezioni in queste zone, a causa di tafferugli. Pokhrel non si e’ voluto sbilanciare sulla causa degli incidenti, ma la polizia nepalese, citata dalla stampa di Kathmandu, punta il dito contro i giovani attivisti del partito maoista nepalese, ex terroristi ora al governo. I giovani dello Young Communist League, la sezione giovanile del partito guidato da Prachanda, ‘l’ex ”terribile” primula rossa nepalese, sembrano non ascoltare gli appelli del leader maoista, che aspira ad essere il primo presidente dalla repubblica nepalese. Prachanda, infatti, ha chiesto ai suoi di astenersi da iniziative violente, ma pare che questo appello sia caduto nel vuoto almeno per quanto riguarda i giovani. Oggi infatti in una decina di citta’ i giovani comunisti hanno rubato le urne o occupato i seggi, impedendo le operazioni di voto. In diversi casi ci sono stati scontri con la polizia o con esponenti di altri partiti, in particolare quelli del partito del congresso nepalese, il piu’ grande del paese. Due i morti, un candidato indipendente e uno del partito del congresso, uccisi da colpi di arma da fuoco dei giovani maoisti. Prachanda aveva anche promesso di non abbracciare piu’ le armi, chiedendo pero’ ripetutamente che i suoi entrino nell’esercito nepalese. Una promessa che pero’ ha smentito la settimana scorsa, dicendo di essere pronto alla rivolta armata se non si otterra’ il cambio repubblicano e l’abolizione della monarchia. E sono molti nel suo partito a non voler abbandonare le armi. Nonostante quest’azione sia tra i punti fondamentali dell’accordo di pace che due anni fa ha portato i maoisti nel governo, nonostante l’azione delle nazioni unite che hanno recuperato migliaia di armi dagli ex ribelli maoisti, diverse zone remote del paese, soprattutto nella zona orientale e occidentale, sono ancora controllate da gruppi di maoisti armati. Gruppi separatisti armati anche nel sud, nella zona del Terai, che ha visto forti scontri con l’esercito e decine di morti l’anno scorso. Qui al suono delle armi si chiede maggiore rappresentativita’ in parlamento e, se possibile, una autonomia da Kathmandu. I gruppi separatisti hanno chiesto il boicottaggio delle elezioni, ma la gente ha deciso lo stesso di votare, seppure in Terai le operazioni di voto sono state le piu’ lente. Il Nepal ora aspetta i risultati, l’elezione dei 575 (240 con elezione diretta e 335 con metodo proporzionale) dei 601 membri (gli altri 26 sono scelti tra eminenti personalita’ nepalesi) dell’Assemblea costituente, anche per vedere che peso hanno avuto i maoisti nelle elezioni per poi valutarne il peso politico nel paese.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...