Le partite di cricket senza sculettamenti

Da una settimana è cominciato in India il campionato di cricket nazionale. Prima c’era solo il campionato internazionale, che vedeva la nazionale indiana girare per i paesi amanti di questa palla, pardon, di questo gioco. Diversi ricconi indiani, tra i quali Vijay Mallya, Shar Rukh Khan e altri, hanno tenuto un’asta nella quale si sono divisi a suon di milioni di euro i migliori giocatori indiani e hanno formato le loro squadre. Un torneo all’americana o, se volete, tipo serie A professionista del nostro calcio. In questi giorni siamo bombardati da spot pubblicitari. E il governo del West Bengala, quesi comunisti di bengalesi, ha deciso di far pagare una tassa a Khan, proprietario della squadra di Calcutta, per tutti gli spot pubblicitri, pagati dallo sponsor Nokia, che secondo i comunisti sono un vero e proprio show.

No solo. Essendo la lega di cricket organizzata all’americana, ci sono le cheerleader. Ma forse ancora per poco. I bacchettoni indiani, con il supporto del maggior partito di opposizione, il BJP, hanno detto che queste ragazze e i loro sculettamenti in costume sul campo per tenere attivi gli spettatori in uno dei giochi più noiosi del mondo, vanno contro la morale indiana. Le hanno associate alle dance bar, le ragazze che danzano (o, meglio, danzavano) nei bar di Mumbai. Le hanno chiamate, usando un eufemismo, zoccole. Confesso che ero tentato a vedere in televisione una gara solo per le cheerleader. Se adesso non ci sono manco più loro, chi resiste otto ore a vedere una partita di cricket?

Ecco di seguito i nomi e quanto hanno speso per comprarsi le squadre.

Vijay Mallya (industriale, liquori e compagnia aerea) – US $111.6 milioni, per il team di Bangalore.

Shah Rukh Khan (stella di Bollywood) – US $75.09 milioni per il team di Calcutta.

GMR Holdings (infrastrutture) – US $84 milioni per il team di Delhi.

Mukesh Ambani (industriale, petrolio) – US $111.9 milioni per il team di Mumbai.

India Cements – US $91 milioni per il team di Chennai.

Deccan Chronicle (editoria) – US $107.01 milioni per il team di Hyderabad.

Emerging Media (business development) – US $67 milioni per il team di Jaipur.

Preity Zinta (attrice) – US $76, milioni per il team di Mohali.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Vita indiana

Una risposta a “Le partite di cricket senza sculettamenti

  1. Pingback: La caduta degli dei del cricket indiano « Indonapoletano’s Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...