Made in China le bandiere free Tibet

La polizia cinese ha scoperto una fabbrica nel sud del Paese che produceva per tutto il mondo le bandiere del governo tibetano in esilio, al bando in Cina, ma che compaiono in tutte le proteste anticinesi e per la liberta’ del Tibet che costellano il giro del mondo della fiaccola olimpica verso i Giochi di Pechino 2008. Lo rivela il quotidiano di Hong Kong ‘Ming Pao’ citato dal sito online della Bbc. La fabbrica – dice la bbc – e’ stata scoperta nella provincia di Guagdong e riceveva commesse da tutto il mondo. Ma i dipendenti si sono difesi dicendo di aver ignorato il significato del vessillo, che per loro era solo una ”bandiera colorata”. Alcuni hanno raccontato al giornale di essersi tuttavia insospettiti vedendola comparire in tv quando venivano mostrate le proteste e di aver fatto delle ricerche su internet. Migliaia di bandiere tibetane – racconta il quotidiano – erano gia’ state imballate, pronte per essere spedite all’ estero. La polizia cinese teme che molte possano essere portate in segreto a Hong Kong per qualche clamorosa protesta filo- tibetana ”in casa” e ha iniziato a perquisire automobili nella regione economica speciale di Shenzhen e nella zona di Hong Kong. La bandiera tibetana, nota come ”Vessillo del leone delle nevi”, mostra un sole levante che emette raggi rossi e blu e sotto due leoni bianchi. Introdotta come bandiera nazionale nel 1912, fu messa al bando dalla Cina dopo l’invasione del 1950.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...