L’ex re e suo figlio devono restituire automobili e computer

Il Governo del Nepal ha chiesto all’ex re Gyanendra e a suo figlio Paras di restituire otto automobili che usavano al tempo del loro regno. Al giovane Paras inoltre e’ stato chiesto di riportare indietro anche alcuni computer che quest’ultimo avrebbe indebitamente portato via. Secondo il quotidiano nepalese Kantipur, Gyanendra e suo figlio non avrebbero ancora in nessun modo risposto alle richieste del Governo, che aveva nei giorni scorsi acconsentito a lasciare a Gyanendra solo due autovetture, un’automobile e una jeep. Paras invece, avrebbe portato via diversi computers dalla ‘Nepal Trust for Nature Conservation’ una ONG di cui, prima dell’inizio della ribellione del 2006, lui stesso era a capo. Nel frattempo Gyanendra ha detto alla commissione governativa che sta procedendo all’inventario del palazzo reale, che lui non e’ in possesso di nessun particolare documento storico. La Commissione la scorsa settimana aveva infatti chiesto formalmente all’ex sovrano se egli possedesse importanti documenti relativi alla monarchia da dover consegnare. La Commissione ha anche invitato il Governo a prendere provvedimenti per lo spostamento, presso il Ministero dell’Agricoltura, di 61 mucche che vivono tuttora all’interno di Narayanhiti Palace, considerate sacre dalle quali il re riceveva il latte fresco ogni giorno.

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...