Dopo i turisti, anche i giornalisti in Tibet

I giornalisti stranieri possono da ieri chiedere l’autorizzazione a visitare il Tibet, chiuso a tutti gli osservatori indipendenti da tre mesi in seguito ad una serie di manifestazioni anticinesi. Lo ha affermato il portavoce del ministero degli esteri cinese Liu Jian Chao. ”Dato che il Tibet e’ riaperto ai turisti stranieri, anche i giornalisti stranieri in Cina possono presentare una richiesta alle autorita’ locali, come prevedevano le normali procedure”, ha detto Liu. Il governo della Regione Autonoma del Tibet ha riaccolto a partire da mercoledi’ 25 i turisti di altri paesi. Il portavoce non ha chiarito se siano state riaperte anche le aree a popolazione tibetana delle province del Gansu, Qinghai e Sichuan che erano chiuse dalla meta’ di marzo. Le prime manifestazioni per invocare la ”liberta”’ e chiedere il ritorno del Dalai Lama, il leader buddhista esiliato, si sono svolte nella capitale del Tibet, Lhasa, il 10 marzo. In seguito le proteste si sono estese ad altre zone della Regione Autonoma e nelle altre regioni della Cina a popolazione tibetana. Le ultime di cui si ha notizia sono avvenute a Kardze, nel Sichuan, alla fine di maggio e hanno portato all’ arresto di 80 monache buddhiste.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...