Giudice spagnolo competente su moti di Lhasa

Un giudice spagnolo si è dichiarato oggi competente sul ricorso per ‘genocidio’ e crimini contro l’umanità in Tibet presentato a Madrid contro sette alti responsabili cinesi: lo riferisce la stampa spagnola. Il ricorso, presentato in luglio dopo gli incidenti a Lhasa dello scorso marzo da tre associazioni di difesa del Tibet, è diretto in particolare contro due ministri cinesi, i titolari della difesa Liang Guanglie e della sicurezza dello stato Geng Huichang. Il giudice della Audiencia Nacional, il tribunale spagnolo responsabile per le questioni di terrorismo e per i crimini contro l’umanità, Santiago Pedraz ha deciso di dichiararsi competente e di indagare sulla vicenda in base al principio della competenza universale della giustizia di Madrid proclamato nel 2005. Il ricorso è stato presentato contro i sette dirigenti cinesi per “crimini contro l’umanità”, e denuncia un “attacco generalizzato e sistematico contro la popolazione tibetana”, la morte di 203 persone, il ferimento di 1.000 e la scomparsa di altre 5.972.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...