La migliore pizza asiatica? A Kathmandu. Se poi aiuta i poveri, meglio ancora

Non c’è che dire, Annamarian Forgione non si smentisce. Il suo Fire ad Ice è un posto incredibile dove, per rifarsi dalle fatiche delle scalate himalayane o per riprendersi dallo shock derivante dalla bellezza del Nepal, delle sue città e della sua natura, prendere una pizza e bersi un espress. Ci sono stato l’altra sera con Joshi, il mio amico nepalese. Una pizza ortolana per me, prosciutto e funghi per Joshi. Pareva di stare a Napoli, sia per il casino (amo Kathmandu) sia per la pizza. Certo, i puristi come me notano che la pizza e il cornicione sono troppo bassi, la sfoglia tirata, ma è la migliore che si possa mangiare nel subcontinente, credetemi. E’ davvero ottima, ottimi e freschi gli ingredienti, eccellente la mozzarella. Già quest’ultima. Annamaria, che oltre ad essere brava, intelligente, simpatica e vulcanica (è napoletana…), è anche una donna molto affascinante. Da qualche mese ha aperto un Fire and Ice a Calcutta (ve ne ho già parlato in un altro post) dove si mangia bene come a Kathmandu. Ma lei voleva fare qualcosa di più che essere solo una imprenditrice di successo. E così, con il supporto di una organizzazione indiana, si è inventata il microcredito sulla mozzarella. Praticamente una banca invece di prestare i soldi ai contadini, presta loro delle mucche. Annamaria è intervenuta con il suo staff. Da Kathmandu ha portato a Calcutta i suoi tecnici che hanno insegnato ai contadini a fare la mozzarella, ma anche a gestire le mucche, come e cosa dare loro da mangiare, l’igiene, etc. Annamaria si impegna a comprare da loro la mozzarella che poi usa per le pizze. E i contadini possono ripagare il prestito con la banca che compra altre mucche. Avrei voluto incontrare a Kathmandu anche altri due amici, con i quali mi sono sentito sul blog, che stanno mettendo su un ristorante italiano a Kathmandu. Purtroppo sono rimasto li per poco tempo e il lavoro mi hanno assorbito molto tempo. Sarà per una prossima volta.

1 Commento

Archiviato in Diario indonapoletano

Una risposta a “La migliore pizza asiatica? A Kathmandu. Se poi aiuta i poveri, meglio ancora

  1. Pingback: La migliore pizza asiatica? A Kathmandu. Se poi aiuta i poveri, meglio ancora | Casino Orleans

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...