Il paese delle vacche sacre? no, delle bombe

Sabato sera, ancora una bomba. Due settimane dopo la serie di attentati a Delhi che hanno fatto 20 morti, ancora un attentato, in un altro mecato. Due su una moto hanno lanciato una bomba in un pacchetto. Un bambino l’ha preso ed è esplosa. Testimoni hanno detto che l’esplosione ha fatto schizzare la testa del bambino, 11 anni, lontano. Ancora di sabato, ancora bombe, ancora mercati. Che vogliono, che restiamo chiusi in casa? Ho già scritto del concetto di sicurezza per gli indiani. E’ incredibile quello che sta succedendo, e non c’è possibilità di fermarli. Viviamo nella paura, anche perchè queste cose non sono lontane da noi, ma le fanno esplodere anche nei posti che frequentiamo. La guerra è fra di loro, noi non c’entriamo nulla. Eppure questo è il terzo week end che ci chiedono di restare a casa e di evitare luoghi affollati. Sarà così fino a Diwali, il capodanno indiano. Ma si può campare così? Sono davvero stanco. Il prossimo che viene dall’Italia con il sorrisetto del cazzo dicendo che quetso è il paese della spiritualità, che gli indiani sono gentili e buoni, lo tengo segregato per un mese a Delhi, E vediamo se non cambia idea. L’India non è più la stessa, è cambiata, è peggiorata. Dall’inquinamento alla sicurezza, non è quel paese di prima, sta perdendo il suo fascino. Sta avvicinandosi a modelli che non le appartengono, per assomigliare e avvicinarsi all’occidente sta prendendo il peggio. Speriamo che questo processo si fermi. E’ uno degli aspetti negativi della globalizzazione. Non ci resta che sperare. Lunedì devo partecipare in teleconferenza ad un convegno della Confindustria Salerno sulle possibilità di investimento in India. Mi hanno chiesto di trovare un imprenditore italiano che racocnti la sua esperienza, invitando i colleghi a venire in India. Non ne ho trovato neanche uno che vuole parlare bene di questo paese. Sarà un caso?

6 commenti

Archiviato in Vita indiana

6 risposte a “Il paese delle vacche sacre? no, delle bombe

  1. per un motivo o l’altro gli industriali ne parlano tutte male, lo so.

    ma non credo che ci sia più nessuno da un pezzo che va a Delhi col sorrisetto ebete cercando la spiritualità. Che c’è, per carità, ma non certo per strada a Delhi. Né a Pune, Mumbai, e così via (nella mia esperienza).

    Cmq dal 1988 l’ho trovata anche io cambiatissima l’India, alla fine del 2006. Ora non so, ma penso di più

  2. Cozzi Giusy

    “Il prossimo che viene dall’Italia con il sorrisetto del cazzo dicendo che questo è il paese della spiritualità, che gli indiani sono gentili e buoni, lo tengo segregato per un mese a Delhi”

    Vai Nello, siamo tutti con te, Ti aiutiamo noi a fargli sperimentare la vera India, non quella delle canne e dei mass media che non sono mai stati qui!!!!!!!!!!!

    Andrea & Giusy

  3. ma è una situazione pazzesca,quasi impensabile,hai ragione si la spritualità del c…..o e poi restare a casa con il clima che cè!ti auguro di trovare,ma ho i miei dubbi che qualcuno voglia parlare e tanto meno investire capitali in questo clima comunque in bocca al lupo e buona gornata

  4. Alessandro

    Come dicono “incredible India”
    come sai sono qui da nemmeno 20 giorni e onestamente un pò mi cago sotto ad uscire…stamattina volevo fare un giro ma o preferito rimanere in albergo…
    La tua speranza che il paese arresti la sua ascesa verso modelli negativi dell’occidente è davvero fioca, non faccio altro che sperare pure io….
    Saluti e Forza Napoli.

  5. “Il prossimo che viene dall’Italia con il sorrisetto del cazzo dicendo che quetso è il paese della spiritualità, che gli indiani sono gentili e buoni, lo tengo segregato per un mese a Delhi,”
    Come ti capisco!!!!!!!!!!! L’India spirituale (mai visto un paese più materialista) e l’occidente cattivo! Ma basta, che vengano a vivere qui e poi vediamo!
    Non si possono più sopportare!
    Ciao Nello!
    Niki

  6. Pingback: Il (mio) silenzio sull’attentato di Mumbai « Indonapoletano’s Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...