L’esercito dello Sri Lanka conquista la capitale Tamil

Il governo dello Sri Lanka annuncia di aver preso la capitale dell’esercito di liberazione delle Tigri Tamil e la risposta dei ribelli non si fa attendere, con un attentato a Colombo che ha fatto quattro morti. E’ stato il presidente cingalese Mahinda Rajapaksa ad annunciare stamattina alla televisione, la liberazione, da parte dell’esercito di Colombro, della citta’ settentrionale di Kilinochchi, capitale del gruppo separatista Esercito di Liberazione delle Tigri Tamil (Liberation Tigers of Tamil Eelam – LTTE), da oltre 25 anni in guerra con Colombo per ottenere la creazione di uno stato indipendente di Tamil. Il presidente cingalese ha parlato di ”vera e incomparabile vittoria”, una vittoria che ”non solo rappresenta la presa della grande fortezza dell’LTTE ma una grande vittoria nella battaglia mondiale al terrorismo. Il mondo intero – ha concluso Rajapaksa – dovrebbe apprezzare oggi il grande successo delle truppe dello Sri Lanka”. Rajapaksa ha chiesto anche all’LTTE di abbandonare le armi e di arrendersi, cosa gia’ chiesta senza successo in passato, nonostante le mediazioni internazionali, Unione Europea e Norvegia in testa. La conquista dell’esercito della capitale politica delle Tigri e’ il culmine di una escalation di operazioni militari che l’esercito cingalese ha lanciato contro le Tigri dal marzo del 2007. Ma la presa della citta’ e’ stata pero’ in parte contestata dalle Tigri Tamil che, attraverso il loro sito ufficiale Tamilnet, hanno descritto l’azione dell’esercito cingalese di oggi come ”l’ingresso dei militari in una citta’ fantasma, dal momento che sia le infrastrutture civili, che quelle politiche e militari dell’LTTE sono state trasferite nel nord est”. I Tamil, inoltre, sottolineano come questa sia la prima volta che l’esercito di Colombo riesce in una operazione del genere in una battaglia lunga 25 anni, dopo mesi e mesi di combattimenti che si sono intensificati da sette mesi. Come risposta, una bomba e’ esplosa nella capitale Colombo, ad oltre 300 km a sud di Kilinochchi, facendo quattro morti. Il potente ordigno e’ stato fatto esplodere, probabilmente da un kamikaze, nei pressi del quartier generale dell’esercito cingalese. Sia il governo di Colombo che i militari che la stampa cingalese, parlano di ”giornata storica”, facendo intendere che questo potrebbe essere l’inizio della disfatta dell’LTTE. Una circostanza pero’ che pare non vicina nel tempo. Molti analisti sulla stampa dell’ex Cylon, fanno notare come le Tigri Tamil, pur se hanno perso molta della loro forza, anche se sono sulla difensiva, controllano ancora gran parte del nord del paese, soprattutto la parte nord-orientale e la penisola di Jaffna, e possono contare anche sull’appoggio di molti gruppi Tamil della diaspora sia in India che in altre parti del mondo, sopratutto Stati Uniti e Europa. L’attentato di oggi avvenuto a poche ore dall’annuncio del presidente cingalese, inoltre, dimostra come le Tigri abbiano ancora la forza di colpire anche immediatamente il cuore della capitale dello Sri Lanka, cosa che hanno sempre fatto in passato, anche recente, utilizzando a volte aerei dai quali hanno sganciato bombe su obiettivi strategici. Certo e’ che con questa vittoria, il presidente Rajapaksa ha assunto maggiore peso e considerazione, tanto da consolidare non solo la sua posizione, ma anche la forza del suo partito, lo Sri Lanka Freedom Party che attraverso la United People’s Freedom Alliance, governa il paese. Questo potrebbe portare ad elezioni anticipate, piu’ volte paventate negli ultimi mesi. Dall’inizio del conflitto nello Sri Lanka, nel 1983, sono morte nel Paese tra le 60 e le 70 mila persone, anche se il numero delle vittime, tra civili, militari e ribelli, pare superare i 70 mila. Dal 16 gennaio dell’anno scorso non e’ piu’ in vigore tra governo e ribelli Tamil una tregua conclusa nel febbraio 2002 sotto il patrocinio della Norvegia. Un cessate il fuoco gia’ finito nella pratica quando e’ stato eletto alla fine del 2005 il presidente Mahinda Rajapaksa, un nazionalista fautore del pugno di ferro contro i ”terroristi”. Le Tigri Tamil sono nell’elenco dei gruppi terroristici degli USA e dell’Unione Europea.

1 Commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Una risposta a “L’esercito dello Sri Lanka conquista la capitale Tamil

  1. Pingback: L’esercito dello Sri Lanka conquista la capitale Tamil

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...