Giustizia lenta e costosa: 466 anni per smaltire l’arretrato

La giustizia indiana e’ una delle piu’ lente e care al mondo. Lo dice un dossier presentato dal capo dell’Alta Corte indiana, AP Shah, e reso noto dalla stampa del paese. La sola Alta Corte di Delhi, ha bisogno di 466 anni per smaltire tutto l’arretrato che ha, 332141 casi, nonostante nel 2007-08 il tribunale abbia deciso su 56612 casi, con una media di meno di cinque minuti a caso, 4,55 minuti. Una delle ragioni di questo ingolfamento, risiede nel fatto che la corte non dispone di tutti i giudici necessari, solo 32 su 48. Si invoca una semplificazione giudiziaria per risolvere molte questioni che ingolfano le aule dei tribunali, molto spesso pieni di casi duplicati, in particolare di questioni su atti parlamentari, che invece dovrebbero essere di sola competenza della Suprema Corte. Un caso su tutti: un procedimento del 1950 e’ stato concluso nella corte suprema solo nel 1995. Tra le cause dell’ingolfamento, secondo il presidente dell’Alta Corte, l’inefficienza, ma anche la corruzione e la mancanza di voglia di fare. Ma la giustizia e’ anche molto costosa. Secondo il dossier del presidente del tribunale, ogni minuto per esaminare i casi e altro, l’AlTa Corte spende in media circa 110 euro, 6327 rupie, davvero tante se si pensa che e’ la stessa dello stipendio medio mensile del cameriere di un grande albergo.

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Vita indiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...