Chi sono i naxaliti

Il movimento naxalita – cosi’ denominato perche’ fece la sua comparsa alla fine degli anni 60 nel distretto bengalese di Naxalbari – e’ un movimento rivoluzionario influenzato dall’ideologia maoista. All’inizio degli anni 70, il movimento, che era molto attivo a Calcutta, fu cacciato dalla citta’ e di esso sopravvissero solo sparuti elementi, che si rifugiarono nelle immense campagne indiane. Per anni, i naxaliti sembrarono solo una sorta di pittoresco e tutto sommato inoffensivo residuo del passato, ne’ piu’ ne’ meno di certe figure di briganti sociali, ancora attivi nelle parti piu’ remote del paese. Poi, nel decennio in corso, con una rapidita’ inattesa, il movimento si amplio’, si ricompatto’ (dato che fino al 2004 era diviso in gruppi autonomi, spesso fra di loro ostili) e prese a dimostrare una sempre maggiore capacita’ operativa. Con una serie di attentati soprattutto nella zona nord orientale dell’India, i naxaliti mostrarono a tutti la loro forza e si sono imposti come il gruppo terrorista indiano piu’ preoccupante per le autorita’, tanto che nel 2006, il primo ministro indiano, Manmohan Singh, dichiaro’ che i naxaliti rappresentavano ”la maggiore singola minaccia alla stabilita’ interna dell’India e alla (sua) cultura democratica”. Per i naxaliti la lotta armata e’ solo la fase finale della loro strategia politica, a cui si giunge dopo aver mobilitato la masse, inserendosi o promuovendo le lotte sociali funzione delle molte ingiustizie che continuano a caratterizzare la societa’ indiana.

la scheda è stata realizzata sulla base di scritti del prof. Michelguglielmo Torri

Annunci

2 commenti

Archiviato in india, Vita indiana

2 risposte a “Chi sono i naxaliti

  1. Pingback: Chi sono i naxaliti « Indonapoletano's Weblog

  2. marco restelli

    caro Nello, per quanto riguarda i naxaliti segnalo ai lettori di Indonapoletano’s che due anni fa è uscito un libro di grande rigore analitico sul movimento naxalita, la sua storia, il suo rapporto con gli altri partiti e movimenti comunisti, la sua strategia politico-militare nelle campagne indiane. Il libro si intitola “Naxalbari-India. L’insurrezione nella futura terza potenza mondiale”, l’autore è Piero Pagliani e l’editore è Mimesis. Il volume è di chiara impronta marxista, ma anche chi – come me – non si ritrova in questa matrice culturale, ne potrà apprezzare la ricca messe di dati e di analisi.
    ciao,
    Marco/MilleOrienti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...