Finita la guerra in Sri Lanka, annunciata morte del leader LTTE

l conflitto durato oltre un quarto di secolo nello Sri Lanka fra le forze regolari e la guerriglia Tamil e’ drammaticamente finito oggi con l’annuncio da parte dei vertici militari della liberazione di tutto il territorio cingalese e della morte dei massimi dirigenti dell’ Esercito di liberazione delle Tigri Tamil (Ltte), compreso il mitico capo supremo, Vellupillai Prabhakaran. Un annuncio al quale fa pero’ da contrappeso oggi la richiesta dell’Unione europea che venga avviata un’indagine indipendente sulle presunte violazioni dei diritti umani nello Sri Lanka e che i responsabili siano assicurati alla giustizia. Quanto al leader dei ribelli, i militari hanno affermato che e’ stato ucciso mentre cercava di fuggire dalla cosidetta ”zona di sicurezza” a bordo di un ambulanza. Insieme a lui sono morti anche il comandante della ”marina” dell’Ltte (Le Tigri dei Mari), Soosai, e il capo dei servizi segreti delle Tigri, Pottu Amman. Entrambi, dicono i militari, si trovavano sull’ambulanza. ”Quando le truppe hanno aperto il fuoco – ha raccontato una fonte – il l’ambulanza ha cercato di sfuggire, ma e’ stata colpito e ha preso fuoco”. In precedenza era stata anche confermata la morte del figlio di Prabhakaran, Charles Antony, il cui cadavere e’ stato mostrato in tv, e di alcuni altri massimi dirigenti dell’Ltte. Raggiante, il comandante delle forze armate cingalesi, generale Sarath Fonseka, ha annunciato la fine dei combattimenti e la riconquista di tutto il territorio nazionale: ”Abbiamo liberato l’intero Paese, liberando completamente il nord dai terroristi. Abbiamo ripreso pienamente il controllo delle zone tenute dall’Ltte”, ha annunciato alla tv il generale. Nell’ultimo lembo di terra, all’incirca 100 metri per 100, in cui la 58/a e la 59/a Divisione dell’esercito sono entrate, indica un altro comunicato, ”sono stati raccolti oggi i cadaveri di almeno 250 guerriglieri Tamil”. I vertici dell’Ltte, ha infine reso noto oggi l’agenzia Tamilnet, hanno tentato disperatamente la notte scorsa di far intervenire il Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr) per salvare un migliaio di militanti militari e civili Tamil nella ”zona di sicurezza”. Ma e’ stato inutile, conclude Tamilnet, e ”tutto si e’ concluso con un omicidio premeditato da parte delle forze armate cingalesi (Sla)”.

fonte: Ansa

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...