Archivi tag: aeroporti

Allarme attentati ma nessun controllo speciale all’aeroporto di Delhi

A poco piu’ di una settimana dagli attentati di Mumbai e dopo meno di 48 ore dall’allarme attentato all’aeroporto di New Delhi, niente piu’ controlli speciali nello scalo della capitale. Proprio oggi, in quella che era stata definita dalla stampa come la giornata ”rossa”, a maggiore rischio attentati, in quanto coincidente con l’anniversario della distruzione della Babri Masjid (la moschea di Babri) di Ayodhya da parte degli estremisti indu’, degli annunciati controlli rafforzati di sicurezza in aeroporto non c’è’ stata neanche l’ombra. Ci sono andato io a vedere, nessun posto di blocco prima di arrivare ai terminal, nessun controllo all’ingresso, nessun particolare dispiegamento di forze dell’ordine, nessun controllo supplementare sui bagagli, nessuna traccia della prevista presenza dei cani addestrati a fiutare la presenza di eventuali esplosivi. Un mico carabiniere mi diceva di andare prima, che mi avrebbero fermato. Non si è accorto di me nessuno. Come sempre, per entrare a fare il check in, in India ti controllano che abbia il biglietto e che ci sia stampato lo stesso nome che hai sul documento. Cosa che oggi è quantomai inutile, perchè si può tranquillamente realizzare con word un eticket. L’Unica sicurezza che era nell’aeroporto, era un sikh militare con un fucile. Si è messo a giocare con Anna Chiara. Me nesusn controllo, niente di niente. Alla faccia della sicurezza, degli spari che ci sarebbero dovuti stare il giorno prima, alla faccia della giornata segnalata col bollino rosso. La sicurezza indiana fa ridere, come ho scritto più volte. Quello che mi fa piangere, è pensare che hanno l’atomica. Come la proteggeranno?

Lascia un commento

Archiviato in Diario indonapoletano

Non ci sono vip e cittadini stufi inaugurano sopraelevata

Cittadini inaugurano una sopraelevata, pronta ormai da settimane, stanchi di aspettare l’arrivo di un VIP che potesse farlo per consentirne poi l’apertura al pubblico. I lavori per la nuova sopraelevata costruita a New Delhi per collegare la zona sud della città (dove si trovano le rappresentanze diplomatiche) con l’aeroporto internazionale e con Gurgaon, città satellite di Delhi, dove hanno sede le principali aziende e dove, negli ultimi anni, sono sorte decine di centri commerciali, erano terminati già da parecchi giorni ma, almeno fino ad ieri, la strada non era ancora stata aperta al pubblico. Il problema, secondo quanto hanno riportato i giornali locali, non era di tipo tecnico. Nessun lavoro da finire, nessun controllo da effettuare. L’unica cosa che mancava era un VIP, un personaggio famoso del cinema o dello sport o un famoso uomo politico, che potesse presenziare alla tradizionale cerimonia di inaugurazione con tanto di discorso, taglio del nastro e festeggiamenti. E così, mentre il governo di Delhi temporeggiava in attesa di trovare un personaggio disponibile all’operazione i cittadini non ne hanno potuto più. Visto che passavano i giorni e la sopraelevata continuava a rimanere chiusa hanno perso la pazienza e hanno deciso di prendere in mano la situazione. Una folla di oltre cento persone si è riunita cantando slogan, facendo una piccola puja (la preghiera rituale indù); hanno poi rotto delle noci di cocco e tagliato il nastro, inaugurando così di fatto la sopraelevata. La gente del posto ha dichiarato di aver preso questa decisione perché stanca del traffico congestionato della città. La nuova sopraelevata che collega Delhi a Gurgaon è lunga 27,7 chilometri e dovrebbe consentire un notevole smaltimento del traffico, permettendo di coprire in una quindicina di minuti un percorso che normalmente richiede, per via degli ingorghi, un tempo di percorrenza molto superiore.

Lascia un commento

Archiviato in Notizie curiose