Archivi tag: camorra

Quindici anni fa veniva ucciso don Peppino Diana

Il 19 marzo del 1994 viene ucciso nella sua parrocchia don Peppino Diana. Stava per dire messa, erano le 7.30 del mattino. Si trovava nella sacrestia della chiesa di San Nicola di Bari a Casal di Principe. Due killer lo affrontarono con una pistola calibro 7.65. I quattro proiettili andarono tutti a segno, due alla testa, uno in faccia e uno alla mano, Don Peppe morì all’istante. Don Peppe visse negli anni del dominio assoluto della camorra casalese, legata principalmente al boss Francesco Schiavone detto Sandokan. Gli uomini del clan controllavano non solo i traffici illeciti, ma si erano infiltrati negli enti locali e gestivano fette rilevanti di economia legale, tanto da diventare “camorra imprenditrice”. Il barbaro omicidio, dicono gli atti processuali, maturò in un momento di crisi della camorra casalese. In questo periodo, una fazione del clan ordinò l’omicidio di don Peppe, personaggio molto esposto sul fronte antimafia, per far intervenire la repressione dello Stato contro la banda che ormai aveva vinto la guerra per il controllo del territorio. (da wikipedia)

A 15 anni dalla morte, voglio ricordare don Peppino Diana, martire di camorra. E con lui tutti coloro che sono stati ammazzati per non esser venuti meno al coraggio delle loro parole.

dondiana-22

1 Commento

Archiviato in Diario indonapoletano

Giancarlo Siani, martire di camorra ma anche dei giornali

Il 23 settembre del 1985, killer della camorra uccisero Giancarlo Siani. Potete leggere la sua storia dovunque, c’è anche un bel libro, L’Abusivo, che racconta la sua storia. Chi, come, e quando l’hanno ucciso e’ storia nota, rintracciabile in rete. All’epoca del processo, io ho seguito tutte le udienze. Lavoravo per Metropolis, non me ne sono persa una. Fui picchiato e minacciato fuori dal tribunale da amici di coloro che stavano nelle “gabbie” dell’aula bunker del carcere di Poggioreale dove si teneva il processo. Non ho perso neanche una udienza, ricordo ancora il pubblico ministero, Armando D’Alterio, la sua professionalità. Ricordo gli avvocati, ricordo lo sguardo feroce che mi rivolse il boss dei Valentini (clan di Torre Annunziata) Valentino Gionta quando il fotografo di fianco a me gli scattò una foto e lui pensò fossi stato io. Ricordo ancora il brivido che mi percorse la schiena quando quegli occhi mi freddarono. Non entro nel merito della sentenza. Dico solo che per me non è stata chiarita tutta la verità perché io credo, a differenza di quello che sia stato definito nella sentenza, che la camorra l’abbia ucciso su richiesta della politica e non su sua iniziativa. Ma queste sono altre storie. Quello che mi interessa sottolineare è che Giancarlo Siani a 26 anni era un abusivo, ma che trattava comunque fatti e notizie importanti. Come ho fatto e continuo a fare io (senza volermi paragonare a lui, al suo sacrificio), come fanno migliaia di colleghi. Giancarlo dovrebbe essere un esempio. Che non ci siano più omicidi di camorra, che le parole non vengano più interrotte con la forza, mi sembra che sia normale, auspicarlo mi sembra banale. Che invece non esistano più abusivi come Giancalo mi sembra una cosa che dovrebbe essere presa in considerazione e che invece non lo è per niente.

16 commenti

Archiviato in Diario indonapoletano