Archivi tag: danzica

Dalai Lama e Sarkozy si incontrano a Danzica

Il Dalai Lama e il presidente di turno dell’Ue, Nicolas Sarkozy si sono incontrati sabato a Danzica, in Polonia, in sfida alle pressioni del governo cinese perché ciò non avvenisse, nella suggestiva cornice delle celebrazioni per il 25/o anniversario del conferimento del premio Nobel per la Pace a Lech Walesa. ” Un approccio opportunistico, avventato e miope alla questione tibetana”, ha reagito con insolita prontezza poche ore dopo l’agenzia di stampa ufficiale di Pechino ‘Nuova Cina’. Intorno alle 16:30, accompagnato personalmente da Walesa – che poi si è allontanato dalla stanza – Sarkozy ha incontrato il leader spirituale dei tibetani in forma privata per 30 minuti. Poco prima dell’incontro era stato categorico sulle minacce dei cinesi. “Come presidente della Francia e come presidente di turno dell’Ue sono libero di incontrare chi voglio, non mi faccio fare l’agenda dai cinesi: questo incontro poi non è da drammatizzare”, aveva detto ai giornalisti. Ma a stretto giro di posta è arrivata la dura risposta dell’Agenzia Nuova Cina che ha definito l’incontro ” una mossa imprudente che non solo ferisce i sentimenti del popolo cinese ma che mina le relazioni franco-cinesi”. Nulla è trapelato da fonti ufficiali sui contenuti del colloquio Sarkozy-Walesa, ma secondo quanto riferito dal portavoce dell’Istituto ‘Lech Walesa’, Tomasz Szymchel, Sarkozy ha riferito che il Dalai Lama non pretende l’indipendenza del Tibet mentre il leader tibetano ha espresso comprensione per la presenza del presidente francese all’inaugurazione delle Olimpiadi di Pechino 2008. Da parte sua Sarkozy ha sottolineato l’importanza del dialogo tra il Dalai Lama e lo stesso governo cinese. L’incontro aveva catalizzato nelle ultime settimane l’attenzione internazionale, soprattutto per l’atteggiamento della Cina che dapprima aveva annullato per protesta la sua partecipazione ad un vertice con l’Ue a Lione in programma il primo dicembre, per poi, 48 ore primo dell’incontro di Danzica, mettere in guardia Parigi dalle possibili ripercusioni sui rapporti commerciali, adombrando un boicottaggio dei prodotti francesi, promosso già su Internet dai nazionalisti. Il padrone di casa Walesa si era espresso in maniera molto critica nei confronti degli “amici” cinesi. “Sono stupefatto – aveva detto ieri – che un paese con una cultura così antica come la Cina, possa pretendere di vietare un incontro tra due persone”. Sarkozy era giunto a Danzica a mezzogiorno per discutere, insieme al premier polacco Donald Tusk e ad altri otto premier di paesi dell’Est europeo, del pacchetto climatico dell’Ue; poi é intervenuto alla conferenza internazionale “Solidarnosc per il futuro”. I travagliati rapporti di Sarkozy con la Cina sulla questione del Tibet avevano avuto un altro momento significativo nel marzo scorso, quando il presidente francese, aveva minacciato di disertare le cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Pechino, scatenando una violenta reazione dei nazionalisti cinesi che avevano organizzato una serie di manifestazioni antifrancesi tra le quali il boicottaggio della catena di supermercati Carrefour. Il 25 aprile la Cina aveva manifestato la disponibilità a incontrare i rappresentanti del Dalai Lama, facendo cambiare idea a Sarkozy sul boicottaggio della cerimonia di apertuyra dei Giochi. Durante le Olimpiadi il colosso francese dell’energia, Edf, aveva concluso un contratto con il gruppo cinese Cgnpc per la costruzione di due centrali nucleari di terza generazione Epr in Cina. Poi però i colloqui tra cinesi e tibetani non avevano avuto l’esito sperato dal Dalai Lama, che ha ricordato anche ieri come la Cina abbia tutto il diritto di diventare una “superpotenza, ma per farlo le occorre anche l’autorità morale”.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Il Dalai Lama a Bruxelles (avrà mangiato le cozze?:-))

I tibetani non vogliono l’indipendenza, ma l’autonomia dalla Cina, chiedono l’armonia che però non non si raggiunge “con la paura e con le armi”, respingono la “propaganda di Pechino” e vedono che al momento prevale l’ala più intransigente al governo. Queste a grandi linee le considerazioni più politiche del Dalai Lama, intervenuto ad una sessione solenne dell’Europarlamento a pochi giorni dall’annullamento da parte di Pechino del vertice con l’Ue, soprattutto a causa dell’incontro previsto sabato a Danzica fra il Dalai Lama e il presidente di turno dell’Ue Nicolas Sarkozy, nell’ambito dell’incontro dei Premi Nobel per la pace voluto da Lech Walesa. Secondo il Dalai Lama la posta in gioco è il desiderio della Cina di diventare una superpotenza mondiale. “Il potere militare ed economico c’é già, quello che le manca è l’autorità morale. La sua pessima performance sui diritti umani, sulla libertà di espressione e di stampa danneggiano l’immagine cinese nel mondo”, ha indicato il Dalai Lama, secondo il quale la Cina è passata da un totalitarismo marxista ad un totalitarismo capitalista. “Il Darfur, la Cambogia dei khmer rossi, la Birmania, la Corea del Nord… questa è l’immagine che c’é della Cina nel mondo”, ha affermato il leader spirituale dei tibetani, secondo il quale “i cinesi ragionevoli si rendono conto che la Cina deve essere molto più attenta a questi temi se vuole guadagnarsi il rispetto del mondo per avere maggiore responsabilità globale”. Il Dalai Lama ha spiegato che al momento è l’ala più dura del regime cinese ad avere il sopravvento, anche se ci sono molti intellettuali e scrittori in Cina che “sostengono la lotta” del popolo tibetano e criticano la politica del governo. “La mia fiducia nel popolo cinese non è mai venuta meno, anche se se si sta riducendo quella nei confronti del governo”, ha spiegato. “E’ una questione di tempo, ma dovranno aprirsi, anche nell’interesse della Cina” ha sottolineato il Dalai Lama, che ha confermato il suo incontro di sabato con Sarkozy. “Non ho un’agenda particolare per l’incontro col presidente francese. Ho già incontrato la moglie, donna affascinante, ora sono contento di vedere suo marito”, ha affermato sorridendo il Dalai Lama.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet