Archivi tag: lega musulmana pachistana

Gilani chiede a Sharif di rientrare nel governo

Il primo ministro pachistano, Yousuf Raza Gilani, ha invitato la Lega Musulmana Pachistana-N (PML-N) dei fratelli Sharif, a rientrare nel governo dal quale sono usciti mesi fa. Lo riferisce la televisione pachistana. Shabaz Sharif, fratello dell’ex primo ministro Nawaz e presidente del PML-N, ha incontrato oggi il capo del governo pachistano, il giorno dopo che la corte suprema lo ha rimesso a capo della provincia del Punjab. Il partito dei fratelli Sharif, tornati in patri dall’esilio voluto da Musharraf, era risultato il secondo alle elezioni del 18 febbraio dell’anno scorso. Dopo essere entrati nel governo guidato dal Partito del Popolo Pachistano (PPP) dei Bhutto-Zardari, ad agosto abbandonarono l’esecutivo a causa della riluttanza del PPP a reintegrare i giudici rimossi da Musharraf. Lo stesso motivo per il quale sono continuate le proteste nel paese che hanno poi portato prima alla sentenza del tribunale sull’ineleggibilita’ dei fratelli Sharif (secondo alcuni, sentenza fortemente voluta dal presidente Zardari) e poi al reintegro dei giudici e degli stessi Sharif a seguito di forti proteste in tutto il paese.

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Il governo pachistano chiede la revisione dell’ordine contro i fratelli Sharif

Il governo pachistano ha inviato alla suprema corte di Islamabad una petizione con la quale chiede la revisione dell’ordinanza della stessa corte che dichiarava ineleggibili i due fratelli Sharif. Lo riferisce la televisione pachistana Geo News. Il 25 febbraio scorso la suprema corte pachistana aveva dichiarato l’ineleggibilita’ di Nawaz Sharif, ex primo ministro e presidente della Lega Pachistana Musulmana-N (PML-N) e di suo fratello Shabaz Sharif, fino al momento della sentenza, primo ministro della provincia del Punjab. La richiesta di revisione e’ stata avanzata per conto del governo dall’avvocato generale dello stato Muhammad Latif Khan Khosa, che prima della presentazione della petizione, ha incontrato il presidente pachistano Asif Ali Zardari. Proprio l’ordine della suprema corte nei confronti dei due fratelli Sharif, e’ stata alla base delle manifestazioni in tutto il paese che hanno portato il presidente Zardari a rimettere al suo posto il giudice capo della corte suprema Iftikhar Chaudhry.

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Zardari firma ordine di reintegro per Chaudhry

Il presidente pachistano Asif Ali Zardari ha firmato stamattina il documento relativo alla reintegrazione nel suo incarico del giudice che presiede la corte suprema, Iftikhar Mohammed Chaudhry. Lo riferisce la televisione pachistana Geo News. L’ordine di reintegro è stato ora consegnato al ministro della giustizia per i provvedimenti di competenza. Il documento era stato inviato ieri sera all’ufficio presidenziale dal primo ministro Yousuf Raza Gilani. Solo dopo il 21 marzo Chaudhry ricoprirà l’incarico dal quale era stato rimosso dall’ex presidente Pervez Musharraf nel marzo del 2007, dopo cioé il pensionamento dell’attuale capo della corte suprema. La decisione di Gilani, ora ratificata da Zardari, aveva consentito ieri di fare decantare la tensione politica, giunta a livelli altissimi, e aveva incontrato l’approvazione dell’opposizione guidata da Nawaz Sharif.

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Reintegrato il giudice Chaudhry. Mo so c…i per Zardari

Il governo pachistano o, meglio, lo stesso presidente Asif ALi Zardari, ha reintegrato il giudice Iftikhar Mohammad Chaudhry, il capo della corte suprema rimosso da Musharraf nel 2007, perchè secondo l’ex presidente, il giudice era politicizzato. Chaudhry, infatti, aveva bloccato e dichiarato nulle una serie di ordinanze emesse dall’ex presidente, alcune leggi ad perosnam ed altre che favorivano la premanenza al potere di Musharraf. Zardari, nonostante le tante promesse fatto soprattutto al suo ex alleato Nawaz Sharif, non ha mai rimesso Chaudhry al suo posto, perchè tra le ordinanze che potrebbero essere cancellate, c’è anche quella che ha concesso all’attuale presidente e a sua moglie, Benazir Bhutto, uccisa a Rawalpindi a dicembre del 2007, l’amnistia necessaria per tornare a casa e farsi eleggere. Se l’amnistia venisse revocata, Zardari andrebbe sotto processo e potrebbe essere dichiarato ineleggibile. Cosa che è successa all’ex alleato Sharif che, proprio sulla questione Chaudhry, ritirò i suoi ministri dal governo. L’uomo che è stato primo ministro negli anni novanta, nemico giurato di Musharraf dal quale è stato accusato di complotto e mandato in esilio, non ha accettato l’amnistia, è tornato in patria ed è stato dichiarato, insieme al fratello, inelegibile, da un giudice vicino a Zardari. Di qui la decisione di cominciare la lunga marcia terminata ieri con l’annuncio del reintegro di Chaudhry. Ora bisogna vedere il giudice che farà. Io, se fossi in Zardari, mi parerei il…

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Alleanza contro Zardari tra partiti ex rivali

Alleanza in vista in Pakistan tra la Lega Musulmana Pachistana-N (PML-N) di Nawaz Sharif e la Lega Pachistana Musulmana-Q (PML-Q), fazioni divise di uno stesso partito divenute rivali, che potrebbero convergere su un solo candidato presidenziale. Il presidente della PML-Q, Chaudhry Shujaat Hussain, ha detto alla stampa di essere stato contattato dal candidato alla presidenza del Pakistan del partito di Sharif, il giudice Saeed-uz-Zaman Siddiqui, per chiedere di essere supportato in vista della tornata elettorale del 6 settembre prossimo per la successione a Musharraf. Hussein non ha escluso la possibilità della convergenza del suo partito su Siddiqui, spiegando che comunque l’identità del suo partito non cambierà. Hussein ha detto che la candidatura di Asif Ali Zardari, co-presidente del Partito del Popolo Pachistano e contro il quale si vogliono coalizzare le due leghe musulmane, è opinabile, perché il vedovo di Benazir Bhutto è ancora accusato di aver riciclato 60 milioni di dollari. Per Hussein questi contatti rappresentano un normale fenomeno nel mondo politico, nonostante le due leghe musulmane fossero acerrimi nemici. Nati sotto l’unica formazione della Lega Pachistana Musulmana, gli uomini di Hussain si separarono nel 2001 dando vita alla loro formazione. La decisione della divisione nacque dalla volontà dal gruppo di Hussein di sostenere la dittatura militare di Musharraf che, pur se non è esponente del partito, é considerato il mentore della Lega Pachistana Musulmana-Q ma fortemente avversato dalla Lega Pachistana Musulmana-N di Nawaz Sharif, il quale considera Musharraf un nemico personale e per la democrazia. Fu proprio Musharraf a cacciare Sharif e mandarlo in esilio mentre era primo ministro nel 1991.

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Eletto il primo presidente donna del parlamento pachistano

Il Pakistan ha il suo primo presidente del parlamento donna. Fehmida Mirza, del Partito del Popolo Pakistano dell’ex premier assassinata Benazir Bhutto, prima donna a ricooprire questo incarico, e’ stata eletta oggi con 249 voti su 319 validi (324 i votanti in parlamento), battendo il candidato dell’opposizione Asrar Tareen. E’ in parlamento sin dal 1997 e viene dalla regione del Sindh ed e’ la mogliedi Zulfiqar Ali Mirza, uno degli amici piu’ cari di Asif Ali Zardari, vedovo di Benazir Bhutto e presidentre del PPP. La sua e’ una famiglia di politici: suo padre Qazi Abid e’ stato piu’ volte ministro, suo nonno primo musulmano ad essere sindaco di Hyderabad, zii, fratello e cugini tutti parlamentari. Il nuovo presidente del parlamento pachistano non disdegna anche il glamour: pur conservando abiti e tradizioni musulmani, si presenta in pubblico sempre vestita in maniera impeccabile e ben truccata. Intanto oggi e’ arrivato a Karachi, tra ingenti misure di sicurezza, Bilawal Bhutto Zardari, figlio di Benazir e di Asif Ali Zardari, co-presidente del partito del popolo Pachistano. Il giovane studente di Oxford, secondo fonti del suo partito, dovrebbe annunciare, il nome del candidato alla carica di primo ministro. Secondo Farhatullah Babar, il nome del candidato primo ministro sara’ annunciato dal 19nne figlio di Benazir Bhutto il giorno della convocazione dell’assemblea pachistana, la settimana prossima. Non e’ ancora chiara la strategia del PPP che comunque segliera’ fra i suoi leader il candidato premier e non lo concedera’ all’alleato Lega Musulmana Pachistana-N (PML-N) di Nawaz Sharif. Il candidato pare esswere designato in Makhdoom Amin Fahim o in Yousuf Raza Gilani, anche se questi potrebbe ricoprire la carica ad interim fino a quando non si terranno elezioni suppletive che permetteranno ad Asif Ali Zardari, le cui condanne e accuse sono state condonate due settimane fa, di essere eletto e concorrere alla premiership. (ANSA)

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Riunito il parlamento pachistano

di Barbara Alighiero, 17 mar 2008 – Nel nome della democrazia e contro la dittatura si e’ aperta oggi la prima sessione in Pakistan del parlamento ostile al presidente Pervez Musharraf, che rischia di gettare in un periodo di aspra lotta di potere l’unico Paese musulmano dotato di armi nucleari. ”Questo e’ l’ultimo giorno della dittatura”, ha detto Asif Ali Zardari, il vedovo della leader dell’opposizione assassinata a dicembre Benazir Bhutto, che guida il Partito popolare pachistano (Ppp), diventato il primo partito del Pakistan dopo le elezioni legislative del 18 febbraio le quali hanno segnato una netta e dura sconfitta per il partito di Musharraf. Il Ppp (121 seggi) con l’altro partito d’opposizione, Lega musulmana pachistana-N dell’ex premier Nawaz Sharif (91 seggi), domina il parlamento di 342 deputati. Sharif, destituito da Musharraf con un colpo di Stato militare nel 1999, ha ottenuto dal Ppp la promessa che verranno reinsediati i giudici della Corte suprema destituiti a novembre dal presidente perche’ temeva un giudizio di incostituzionalita’ sulla sua nomina. In gioco e’ la stabilita’ del Paese, in crisi economica, sconvolto da un’ondata di violenza che in 14 mesi ha fatto quasi 1.100 morti, e impegnato in una vera guerra contro il militanti filo taleban nelle zone tribali al confine con l’Afghanistan e contro gli integralisti, protetti dagli imam radicali di migliaia di madrasa, scuole coraniche. Sabato, per la prima volta in sei anni, obiettivo di un attentato sono stati degli stranieri. Una donna turca e’ morta e dodici sono rimasti feriti, fra cui quattro agenti del FBI, quando una bomba e’ esplosa in un ristorante italiano della capitale. Musharraf non era presente alla sessione di oggi che si e’ aperta con una lettura del Corano e una preghiera in memoria della Bhutto, ed e’ proseguita con il giuramento dei deputati, mentre un forte apparato di sicurezza circondava all’esterno l’edificio. Il Ppp formera’ un governo di coalizione con Sharif e con il partito nazionalista dei pashtun del Nord Ovest. Fra le priorita’ del parlamento, il Ppp ha posto la richiesta di un’inchiesta delle Nazioni Unite sulla morte della Bhutto. La coalizione spera anche di riuscire a emendare la Costituzione, cambiata da Musharraf, per revocare al presidente il potere di sciogliere il parlamento e destituire il primo ministro. Zardari e Sharif, che non erano candidati alle elezioni e hanno seguito dalla tribuna la sessione odierna, si sono impegnati a promuovere una risoluzione parlamentare entro 30 giorni dopo l’insediamento del nuovo governo, a fine mese, perche’ siano reinsediati i giudici. Incertezza resta sul nome del candidato primo ministro, che verra’ designato giovedi’. Si rafforza l’ipotesi di un premier ad interim, in attesa che Zardari, ora che la magistratura ha fatto cadere le accuse di corruzione, divenga deputato in elezioni suppletive,. La prossima sessione si terra’ mercoledi’ con l’elezione del presidente e del vicepresidente del parlamento. (ANSA)

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente