Archivi tag: mukherjee

Gelo fra India e Cina sul nucleare

E’ stato accolto nel gelo diplomatico il ministro degli esteri cinese in visita a New Delhi. Nonostante Pechino stamattina abbia modificato il tiro sulla sua posizione rispetto all’accordo nucleare indo-statunitense, dichiarandosi favorevole, l’India da ieri lancia parole di fuoco contro la Cina rea di essere stata la capofila degli oppositori nella riunione a Vienna dei paesi del Nuclear Supplier Group. Il ministro degli esteri indiano Pranab Mukherjee ha espresso al suo omologo Yang Jiechi il suo disappunto per la posizione di Pechino che all’inizio dei colloqui di Vienna ha guidato gli oppositori all’ingresso dell’India nel NSG. Mukherjee ha sottolineato che la delusione indiana risiede soprattutto nel fatto che la Cina, e in particolare il presidente Hu Jintao, avevano piu’ volte promesso il uo appoggio all’India. Invece, il via libera cinese e’ arrivato solo dopo forti pressioni degli Stati Uniti, interessati a che l’India entrasse nel NSG per poter cosi’ andare avanti con l’accordo economico con Delhi sul nucleare civile. La Cina ha salutato positivamente l’ingresso dell’India nel NSG, anche se ha ribadito la necessita’ di mantenere l’integrita’ e la validita’ del sistema internazionale di non proliferazione nucleare. Non solo. Nel comunicato diramato oggi Pechino dice espressamente che la possibilita’ data all’India deve ”garantire pari opportunita’ a tutte le parti”. Da molti osservatori, sia indiani che pachistani, la frase pare essere un richiamo alla necessita’ che la possibilita’ offerta all’India sia estesa anche ad Islamabad per bilanciare la situazione nell’area.

Lascia un commento

Archiviato in Vita indiana

India e Pakistan si incontrano e decidono di non decidere

Al termine della due giorni di colloqui, India e Pakistan hanno solo deciso di scambiarsi informazioni sui rispettivi prigionieri politici garantendosi reciprocamente facilitazioni consolari. L’incontro di oggi a Islamabad tra il ministro degli esteri indiano Pranab Mukherjee e il suo omologo pachistano Shah Mehmood Qureshi, era stato annunciato come un incontro, se non decisivo, molto importante sulla definizione di dispute storiche come quella del Kashmir e del ghiacciaio del Siachen. Invece nel primo incontro tra New Delhi e il primo governo pachistano post Musharraf, le parti si sono incontrate e studiate, rinviando a luglio altre decisioni. Il processo di pace e’ cominciato quattro anni fa, ma e’ stato sospeso tutto lo scorso anno per la instabile situazione politica pachistana. Il primo incontro tra i responsabili delle due diplomazie, preceduto da un meeting dei sottosegretari agli esteri che hanno scritto l’agenda degli incontri di oggi, doveva dare una sferzata alla soluzione delle questioni pendenti, Kashmir in testa, soprattutto dopo le accuse rivolte da New Delhi a Islamabad di non rispettare la tregua e il cessate il fuoco sulla LoC, la Line of Contorl, il confine conteso tra le due nazioni nucleari, dove la settimana scorsa un militare indiano e’ stato ucciso da fuoco proveniente da parte pachistana. Mukherjee ha incontrato anche il primo ministro Yousuf Raza Gilani, il presidente Pervez Musharraf (che ha ribadito l’impegno del Pakistan sulla via della pace), il leader del Partito Popolare Pachistano Asif ALi Zardari e quello della Lega Musulmana Pachistana-N Nawaz Sharif. Gli incontri sono comunque stati definiti ”proficui” e ”cordiali” anche per il fatto di aver ripreso, da parte di New Delhi, contatti dopo il cambio di governo in Pakistan.

Lascia un commento

Archiviato in Diario dal subcontinente