Archivi tag: nuclear supplier group

Pare sia vero: sulla luna c’è acqua. Ma in India no.

Il Moon Mineralogy Mapper (M3) della Nasa che ha operato a bordo del satellite indiano Chandrayaan-I ha effettivamente ottenuto prove dell’esistenza di acqua sulla superficie lunare. Lo hanno confermato oggi esperti indiani. Gli esperti, citati dall’agenzia di stampa indiana Pti, hanno detto che l’M3 ”ha localizzato una serie ripetuta ed omogenea di dati relativi ad una luce riflessa che indicherebbe un legame chimico di idrogeno e ossigeno in materiali su uno strato finissimo del suolo superiore” lunare. La scoperta, scrive Pti, mette fine a un dibattito che dura da 40 anni sull’esistenza o meno di acqua sulla luna. Furono gli astronauti della missione Apollo che circa 40 anni fa portarono sulla terra alcune rocce che furono analizzate dagli scienziati della Nasa che ipotizzarono appunto la presenza di acqua. Ma in quel momento non fu possibile fugare tutti i dubbi perche’ la tenuta stagna dei contenitori in cui erano state collocate le rocce non aveva tenuto, contaminando i reperti con aria dell’atmosfera.

fonte: ANSA

Lascia un commento

Archiviato in india, Vita indiana

L’India scopre acqua sulla luna? Intanto lancia satelliti

Prima che interrompesse prematuramente la sua attivita’, gli strumenti a bordo del satellite indiano Chandrayaan-1 potrebbero aver localizzato la presenza di acqua sulla luna. Lo scrive oggi il quotidiano The Times of India. L’ipotesi e’ legata al fatto che domani nel quartier generale della Nasa a Washington e’ stata convocata una conferenza stampa per un ”annuncio rilevante” da parte di Carle Pieters, scienziato legato al progetto Moon Mineralogy Mapper (M3). La strumentazione del M3 era ospitata in base a un contratto di affitto nel Chandrayaan-1, che ha interrotto la sua attivita’ il 30 agosto scorso, e che aveva fra i suoi obiettivi proprio quello di rilevare acqua sulla superficie lunare. Intanto, l’India ha lanciato oggi con successo il suo sedicesimo satellite Oceansat-2 e sei nano satelliti europei dalla base di Sriharikota. Lo riferisce la stampa indiana. I lanci sono cominciati alle 11.51 ora locale e terminati alle 12.06. Il primo ad andare in orbita e’ stato Oceansat-2 ad un’altitudine di 720 Km e, a seguire, i sei nano satelliti. Di questi ultimi, quattro provengono dalla Germania, uno dalla Svizzera e uno dalla Turchia. Il solo Oceansat-2 pesa oltre 960 chilogrammi. Dopo che i satelliti sono entrati in orbita, i centri di controllo dell’Indian Space Reasearch Organisation (ISRO) hanno cominciato una serrata attivita’ di monitoraggio. Il Vice Presidente indiano, Hamid Ansari, presente al momento del lancio, si e’ congratulato con gli scienziati ed i tecnici per ”gli splendidi risultati raggiunti per la nazione”. Il lancio di oggi e’ molto simile a quello avvenuto nell’aprile 2008 quando l’ISRO lancio dieci satelliti. Oceansat-2 e’ il secondo satellite indiano messo in orbita per studiare gli oceani come pure l’interazione tra oceani ed atmosfera. Ha forma cubica con due pannelli solari. Il satellite dovra’ controllare le zone di pesca intorno all’India, misurare la superficie oceanica, la velocita’ del vento, la temperatura e l’umidita’ dell’atmosfera. Dal settembre 1993 fino all’aprile 2009 l’India ha effettuato 15 missioni atmosferiche (questa e’ la sedicesima). Quattordici si sono concluse con successo mentre una e’ fallita.

1 Commento

Archiviato in india, Vita indiana

Finisce in anticipo la missione lunare indiana, persi i contatti

Gli scienziati indiani hanno perso il controllo radio con la sonda Chandrayaan 1, lanciata in orbita attorno al satellite per la prima missione lunare del paese di Gandhi. Lo riferisce la televisione indiana. E’ dalla mezzanotte di ieri che si sono persi i collegamenti con la sonda, tanto da costringere gli scienziati dell’Indian Space Research Organisation ISRO), l’ente spaziale indiano, a dichiarare definitivamente fallita la missione lunare. Annadurai, capo missione dell’ISRO, ha detto tuttavia che “tecnicamente la missione è riuscita al cento per cento, mentre dal punto di vista scientifico la sonda ha fatto il novanta percento del lavoro previsto”. Non si sa a cosa sia dovuto il black out, anche se si pensa ad un problema molto grave. La sonda è stata in orbita 312 giorni, compiendo oltre 3400 orbite intorno alla luna e inviando agli scienziati indiani di Bangalore, la città del sud dell’India dove ha sede l’ISRO, una grande quantità di dati e immagini. Nel febbraio scorso si era guastato l’altimetro. Anche a luglio furono segnalati grossi problemi tanto da far pensare ad una fine precoce della missione. La Chandrayaan-I fu lanciata dalla base spaziale indiana di Sriharikota nello stato centro meridionale dell’Andhra Pradesh, lo scorso 22 ottobre, atterrando sul suolo lunare il 14 novembre.

2 commenti

Archiviato in india

Forse finisce prima la missione lunare indiana, la sonda si è rotta

Potrebbe finire molto prima del previsto la prima missione lunare indiana, la cui sonda principale sta facendo registrare grossi problemi tecnici. Lo riferiscono alla televisione indiana fonti dell’ISRO (Indian Space Research Organisation), l’ente spaziale indiano, con sede a Bengaluru (l’ex Bangalore) nel sud del paese. Madhavan Nair, capo dell’ISRO, ha comunicato che la sonda Chandrayaan-I, lanciata nello scorso ottobre e con una aspettativa di vita di due anni, potrebbe terminare il suo viaggio nelle prossime settimane in quanto si e’ rotto uno dei piu’ importanti sensori a bordo, quello che ne stabilisce la direzione, permettendole cosi’ di effettuare tutti gli esperimenti programmati sul suolo lunare. Nair ha detto che i suoi tecnici stanno tamponando il problema, ma un ulteriore guasto sarebbe irreparabile. Il capo dell’ISRO, comunque, nonostante aleggi lo spettro di una fine prematura dell’esperienza lunare indiana, ha aggiunto alla televisione che negli ultimo otto mesi, la sonda ha completato la maggior parte dei suoi compiti, riuscendo a terminare molti degli esperimenti centrando gli obiettivi prefissati. La sonda Chandrayaan-I fu lanciata dalla base spaziale indiana di Sriharikota nello stato centro meridionale dell’Andhra Pradesh, lo scorso 22 ottobre. Il 14 novembre tocco’ il suolo lunare, piazzando l’India nell’elite di pochissimi paesi che possono vantare un allunaggio e sbaragliando al concorrenza asiatica, soprattutto cinese e giapponese.

1 Commento

Archiviato in india, Vita indiana

L’India sulla Luna. Ci porterà i poveri?

L’India e’ entrata di diritto nella storia spaziale mondiale, con la sua prima missione al satellite terrestre lanciata stamattina, la sessantottesima partita in tutto il mondo verso la luna. Alle 6.22 ora locale, dalla base costiera di Srihakot, nello stato meridionale indiano dell’Andra Pradesh, e’ partito il razzo PSLV-C11, interamente indiano, che nei suoi 44 metri di altezza e 316 tonnellate, trasporta anche il satellite Chandrayaan 1, che da anche il nome alla missione, che per due anni orbitera’ intorno alla luna trasmettendo immagini, dati e analizzandone la superficie. 18 minuti dopo il lancio, Madhavan Nair, il presidente dell’Indian Space Research Organisation (ISRO), l’ente spaziale indiano, ha dichiarato il lancio ”perfettamente riuscito e preciso, completando il primo passo della missione che prendera’ quindi giorni per raggiungere l’orbita lunare”. ”Il nostro bambino e’ sulla strada della luna”, ha detto ai suoi colleghi poco dopo il lancio Mylswamy Annadurai, direttore del progetto. All’annuncio del lancio riuscito, gli oltre 1000 scienziati indiani presenti nella sala di controllo, si sono lanciati in manifestazioni di gioia, riprese  con molta enfasi da tutte le televisioni indiane. ”Orgoglio” e’ la parola piu’ usata per commentare la missione, sia da parte dei cronisti che degli scienziati, ma anche e soprattutto dai politici e dai cittadini comuni. La missione Chandrayaan 1 (Chandra in hindi significa luna), non poteva pero’ prescindere dalla religiosita’ e dalle tradizioni indiane. Prima del lancio, gli scienziati hanno visitato un tempio induista per chiedere l’aiuto supremo in vista di quello che da tutti viene definito un momento storico per il paese. A bordo del razzo indiano, ci sono undici strumenti (cinque indiani, tre europei, due della NASA e uno bulgaro), che aiuteranno la Chandrayaan 1 a completare la sua opera di mappatura del suolo lunare. L’8 novembre, sulla luna atterrera’ il Moon Impact Probe, un modulo che, insieme alla bandiera indiana, porta gli strumenti per studiare la composizione del suolo lunare, la sua geografia e altro. Ma, soprattutto, la spedizione indiana e’ alla ricerca dell’Helium 3, un isotopo difficilissimo da trovare sulla terra, ma che, secondo alcuni scienziati, serve per la fusione nucleare e potrebbe rappresentare una importante fonte d’energia nel futuro. L’Helium 3 abbonderebbe sulla luna, anche se molto difficile da estrarre. Un ennesimo passo dell’India verso il rafforzamento della sua posizione tra i paesi nucleari, dopo il via libera a settembre del Nuclear Supplier Group (il gruppo dei paesi nucleari) in deroga al trattato di non proliferazione non firmato dall’India, deroga che ha permesso a New Delhi di firmare accordi di cooperazione nucleare con Stati Uniti e Francia e presto con Russia. La missione lanciata oggi e’ la prima di una serie di tre che dovrebbe portare nel 2013 il primo astronauta indiano nello spazio e nel 2020 un indiano sulla luna, per tentare di pareggiare ed eventualmente superare i vicini cinesi che hanno gia’ mandato propri uomini in orbita. Il costo della missione e’ di circa 75 milioni di dollari, una cifra che in molti, sopratutto i cooperanti delle ONG che lavorano per gli ultimi in India, avrebbero preferito essere spesa per aiutare i poveri del paese. L’India infatti, nonostante i 10 satelliti lanciati dal 1998 (il programma spaziale indiano risale al 1963), nonostante il nucleare, l’alta professionalita’ dei suoi ingegneri, la costante crescita economica (che in questi giorni sta risentendo della forte crisi mondiale), ospita un terzo della popolazione povera del mondo. Secondo i dati della Banca Mondiale, 456 milioni di indiani, pari al 42% della popolazione, vive sotto la soglia di poverta’ stabilita a 1,25 dollari al giorno, mentre il 75,6%, 828 milioni di persone, vivono con meno di due dollari al giorno. ”Molta gente povera soffre scrive in un editoriale Anil K. Verma, un commentatore politico – e che abbia bisogno di maggiore attenzione sembra una cosa giusta e ovvia, ma la situazione dei poveri dipende anche dal sistema indiano, dalla corruzione, dalla mancata applicazione degli schemi, dato che qui ci sono i soldi per i progetti”.

9 commenti

Archiviato in Vita indiana

Via libera all’accordo nucleare India-USA, alla faccia degli accordi internazionali

Pur se dalla porta di servizio, scavalcando i paesi in fila da anni, l’India riesce ad arrivare al primo posto in fatto di nucleare e assicurarsi l’accordo agognato con gli Stati Uniti. Dopo tre anni di dibattiti a Washington, Delhi e Vienna, il senato americano ha, a larga maggioranza, approvato l’accordo di cooperazione nucleare civile tra Stati Uniti e India, con il quale Washington fornira’ tecnologie e carburante a New Delhi per le sue 14 (che potranno aumentare) centrali nucleari civili. E’ stata una vittoria voluta, cercata e ottenuta tutta dal primo ministro indiano Manmohan Singh che, per conseguirla, ha anche dovuto registrare le critiche dalla sua maggioranza sfociate nell’abbandono dei partiti comunisti, abbandono in seguito al quale e’ dovuto ricorrere ad un discorso alla nazione per spiegare la bonta’ dell’accordo. Una vittoria che proietta Singh da ‘yes man’ di Sonia Gandhi, come veniva dipinto dalla stampa indiana, direttamente verso un secondo mandato se il suo partito dovesse rivincere le elezioni di maggio 2009. Con l’accordo di oggi, l’India esce dall’isolamento dei paesi nucleari cominciato nel 1974, quando inizio’ test terminati nel 1998. Delhi non ha mai sottoscritto l’accordo di non proliferazione nucleare e 8 delle sue ventidue centrali nucleari (altre nove sono in costruzione), sono militari. Proprio la distinzione netta tra nucleare civile e militare e’ stata la chiave che, insieme alle possibilita’ economiche enormi di investimento da parte di aziende americane, ha convinto i senatori americani a dare il via libera all’accordo che ruotera’ intorno a 70 miliardi di dollari di scambi commerciali. Delhi, che ha anche ospitato una missione di ispettori dell’Aiea, l’agenzia internazionale per l’energia atomica che ha sede a Vienna, si e’ impegnata a tenere distinte le due cose, assicurando che il carburante e le tecnologie americane, alle quali seguiranno quelle francesi e russe, serviranno solo ad alleviare l’atavica mancanza di energia nel paese, favorendone lo sviluppo. Il nucleare al momento fornisce meno del 3% di elettricita’ al paese e a pieno regime nel 2050, dovrebbe arrivare secondo stime, ad una quota del 25%. Ma questo non riduce la portata dell’evento e della vittoria di Singh, che ha riportato l’India piu’ che mai al centro dello scacchiere internazionale, dimostrando come trattati internazionali, come quello di non proliferazione, possano essere aggirati e calpestati in presenza di denaro e promesse. Neanche la dura opposizione interna e le proteste straniere (Pakistan, Iran e Cina, in primo piano) offuscano la vittoria di Manmohan Singh. I partiti comunisti ex alleati di governo hanno promesso di continuare a dare battaglia e dopodomani scenderanno in piazza per osservare un ‘giorno di lutto”. Proteste nate dalla volonta’ di non sentirsi sussidiari agli Usa e appoggiate dall’opposizione dei partiti nazionalisti indu’ che, invece, temendo il Pakistan, criticano l’aver accettato di non poter piu’ effettuare test atomici. Il Pakistan non si e’ opposto all’accordo, ma ne ha chiesto uno simile. L’accordo indo-americano, non solo ha creato un precedente, ma ha anche spostato il gioco delle alleanze nell’area, avvicinando l’India agli USA e il Pakistan alla Cina, in uno scambio vicendevole. La Cina, che in sede di Nsg (il Nuclear Supplier Group, il gruppo di paesi che hanno l’energia nucleare) si era opposta all’accordo tra New Delhi e Washington, ora appoggia la richiesta pachistana di accedere allo stesso tipo di accordo. Ma sara’ difficile che venga fatto un altro strappo. Dopotutto, sentenzieranno l’Aiea e l’Nsg, il Pakistan non offre le stesse garanzie di stabilita’ dell’India. Ma, per l’intanto, Islamabad continua ad avere la bomba atomica.

Lascia un commento

Archiviato in Vita indiana