Archivi tag: scalate

Poca la neve sull’Everest, scalate difficili e pericolose

Scalare l’Everest sta diventando sempre piu’ difficile a causa dello scioglimento dei ghiacciai e della coltre di neve. Lo scrive il quotidiano nepalese Kantipur. Secondo Dawa Steve Sherpa, il team leader della spedizione Eco-Everest Expedition 2008 che ha scalato per la seconda volta l’Eeverst lo scorso maggio, nella zona Hillary Step l’anno scorso c’erano solo 50 metri di roccia da scalare, oggi oltre 150. Questo rende le scalate piu’ pericolose, aumentando i ferimenti e le tragedie. Lo stesso Sherpa racconta la sua disavventura. ”Indossavo gli scarponi per l’ascesa tra la neve e il ghiaccio ed e’ stata una esperienza spaventosa. A 8600 metri sono scivolato e se non fossi stato attaccato bene sarei caduto di oltre 200 metri, perche’ non c’era neve”. Sul monte Lhotse nell’area dell’Everest, durante la spedizione di Dawa, uno scalatore spagnolo si e’ rotto una gamba a causa della presenza delle rocce li dove ci doveva essere la neve. Secondo Sandeep Chamling Rai, portavoce dell’ufficio nepalese del WWF, dalla mera’ del 1970, a causa dei cambiamenti climatici, i ghiacciai si stanno assottigliando. Le temperature medie in Nepal sono aumentate di un grado e molte strade ghiacciate di accesso alle montagne, stanno scomparendo. Come il ghiacciaio Khumbu, una delle strade piu’ popolari di ascesa all’Everest, che si e’ ritirato di oltre 5 km da quando Sir Edmund Hillary e Tenzing Norgay lo percorsero per scalare nel 1953 la montagna piu’ alta del mondo. E il ritiro dei ghiacciai e lo scioglimento della neve, sta provocando anche un altro problema: sulle rocce oramai sono visibili a occhio nudo anche da lontano gli ammassi di rifiuti che vengono lasciati da spedizioni senza scrupoli.

1 Commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Per paura di proteste tibetane, la Cina vieta le spedizioni sull’Everest

Di seguito il mio articolo apparso stamattina su Il Mattino.

L’Everest chiude alle spedizioni fino alle prossime olimpiadi di Pechino. Questa la notizia circolata ieri per alcune ore ma poco dopo smentita dalle autorità cinesi. E’ stata la International Campaign for Tibet a denunciare la chiusura, riprendendo una notizia diffusa dalla China Tibet Mountaineering Association, secondo la quale la vetta sarebbe stata interdetta alle spedizioni fino al prossimo passaggio della fiaccola olimpica. Immediata la smentita. Un dirigente dell’ Associazione Alpinistica del Tibet ha dichiarato che si tratta di “voci”, che potrebbero essere nate da “equivoci” provocati da disposizioni di sicurezza, che sono state rinnovate quest’anno. Secondo sempre la stessa fonte, ci sarebbero state pressioni anche sul governo nepalese per chiudere anche il versante nepalese della montagna più alta del mondo, ma da Kathmandu hanno fatto orecchie da mercante, pur negando alcune spedizioni “per il troppo numero di richieste”. Da qualche mese, le autorizzazioni erano più difficili da ottenere. Ma dietro tutto questo sembra nascondersi la paura di Pechino che l’Everest possa diventare un palcoscenico ideale per le proteste tibetane in chiave anticinese e soprattutto che tali proteste possano trovare una eco ampliata dall’evento sportivo. La notizia (apparentemente falsa) della chiusura della vetta più alta del mondo è arrivata il giorno dopo della polemica scaturita dal rapporto del dipartimento di stato americano sui diritti umani, che riguarda anche la Cina. Gli Stati Uniti avevano annunciato in un primo momento di aver rimosso la Cina dalla lista dei paesi “peggiori violatori” dei diritti umani (nella quale Pechino compariva insieme a Birmania, Cuba, Corea del Nord, Sudan, Siria, Eritrea, Bielorussia e Uzbekistan), ma poi da Washington si sono affrettati a specificare che il rapporto considera ancora la situazione dei diritti umani negativa nel Paese, a causa della mancanza di libertà in Tibet e nel Xinjiang (la regione con una forte presenza musulmana nel nordovest del paese). Ma Pechino non ci sta. Il ministro degli esteri cinese Yang Jiechi ha dichiarato che le affermazioni americane “rivelano una mentalità da guerra fredda, fanno distinzioni basate sull’ideologia e rappresentano un’interferenza negli affari interni della Cina con la scusa dei diritti umani”.

E ieri i monaci hanno di nuovo sfidato la polizia a Lhasa. Dopo le manifestazioni di lunedì, per il secondo giorno consecutivo, migliaia di monaci hanno sfilato ieri nella capitale tibetana. Circa duecento agenti di polizia sono intervenuti con i bastoni e con i gas lacrimogeni per disperdere la folla.

Nuove proteste anche in India. Una quarantina di donne tibetane hanno preso parte a Delhi ad una dimostrazione in occasione del quarantanovesimo anniversario della sommossa femminile tibetana e sono state arrestate dalla polizia. Le donne si sono recate dinanzi all’ambasciata cinese e con il volto dipinto con i colori della bandiera tibetana hanno gridato slogan anti cinesi e hanno scritto sulle mura dell’ambasciata “free Tibet”. Trattenute dalla polizia indiana, hanno deciso di continuare la loro protesta facendo lo sciopero della fame e rifiutando di essere rilasciate su cauzione fin quando non verranno liberate senza alcuna accusa a loro carico, affermando che protestare per la libertà del proprio paese non può essere considerato un reato. Il 12 marzo 1959 migliaia di donne tibetane si riunirono in piazza e sfidando le autorità cinesi protestarono contro l’occupazione cantando slogan a favore dell’indipendenza tibetana. Molte di loro persero la vita.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet