Archivi tag: tenzin Gyatso

Giovane monaco tenta il suicidio bruciandosi in Tibet

Tensione alta in Tibet dopo il tentativo di suicidio con il fuoco di un giovane monaco tibetano ad Aba (Ngaba in tibetano) in una zona a popolazione tibetana della provincia cinese del Sichuan, un gesto confermato oggi anche dall’agenzia di stampa ufficiale di Pechino Nuova Cina. Secondo testimoni citati dalla Campagna Internazionale per il Tibet (ICT), un gruppo filotibetano basato negli USA, agenti di polizia avrebbero ripetutamente sparato contro il giovane monaco prima di spegnere le fiamme che lo avvolgevano. Confermando la notizia, l ‘agenzia governativa Nuova Cina ha scritto che il giovane e’ ricoverato in ospedale con ustioni “al collo e alla testa”, ma non fa menzione di ferite da arma da fuoco. Il dramma avviene mentre in tutte le zone a popolazione tibetana della Cina è in corso una silenziosa protesta che consiste nel non partecipare ai festeggiamenti per Losar, il capodanno tibetano, che in genere durano 15 giorni durante i quali si svolgono banchetti, canti e balli tradizionali. La protesta è stata indetta in segno di “rispetto” per le persone che hanno perso la vita durante le manifestazioni anticinesi che si sono svolte nel marzo dell’anno scorso in molte zone della Cina abitate da tibetani. Secondo Pechino i morti sono stati solo venti, tutti civili uccisi dai rivoltosi tibetani, mentre i tibetani in esilio sostengono che le vittime sono state circa duecento e di mille persone arrestate in quel periodo – tra marzo e maggio dell’ anno scorso – non si hanno notizie. Inoltre è vicina la delicata scadenza del 10 marzo, giorno nel quale cade l’ anniversario della rivolta del 1959 che si concluse con la fuga in India del Dalai Lama, il leader spirituale tibetano che da allora è vissuto in esilio. Secondo la ricostruzione di ICT, la protesta del monaco risale a mercoledì ed è stata innescata dal divieto posto dalle autorità alla celebrazione delle preghiere di Monlam, una festa religiosa collegata a quella di Losar. Poche ore dopo la notifica del divieto Tapey, il cui corpo era già cosparso di kerosene, è stato visto nel mercato vicino al monastero e, prima che gli agenti presenti potessero intervenire, si è dato fuoco agitando una bandiera tibetana fatta a mano con al centro un ritratto del Dalai Lama. I poliziotti lo hanno circondato e si sono uditi dei colpi di pistola. In seguito le fiamme sono state spente ed il giovane è stato portato via, in un apparente stato di incoscienza. Secondo l’ emittente di tibetani in esilio Voice of Tibet, manifestazioni anticinesi e pro-Dalai Lama alle quali avrebbero preso parte centinaia di persone si sono svolte in questa settimana a Guinan (Mangra in tibetano) e ad Hainan (Tsolho in tibetano), nella provincia del Qinghai. Colloqui tra esponenti cinesi ed inviati del Dalai Lama si sono tenuti in ottobre senza che sia stato raggiunto un accordo. Pechino accusa il leader tibetano di perseguire la secessione del Tibet dalla Cina, mentre il Dalai Lama afferma di voler per il territorio quella che chiama una “vera” autonomia.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Per il Dalai e’ un capodanno da non festeggiare

”Nella nevosa terra del Tibet per tradizione celebriamo il capodanno con complessi rituali che incorporano sia elementi spirituali che materiali. Tuttavia, poiche’ lo scorso anno in Tibet centinaia di persone hanno perso la vita e altre migliaia hanno subito torture e detenzione forzata, quest’anno non e’ il momento giusto per festeggiare con la solita gioia”. Queste le parole con cui il Dalai Lama, in un comunicato stampa, ha espresso la volonta’ di osservare, quest’anno, un Capodanno (il cosiddetto Losar tibetano) silenzioso. Il calendario tibetano e’ composto da dodici mesi lunari e la festa del Losar comincia il primo giorno del primo mese lunare. ”Ognuno – ha proseguito il leader tibetano – dovrebbe invece utilizzare questo periodo per azioni positive, perseguendo finalita’ virtuose, cosi’ che coloro che hanno sacrificato le loro vite per la causa del Tibet possano trovare una loro realizzazione attraverso la rinascita in regni piu’ elevati”. Il Dalai Lama ha poi continuato sottolineando, nel comunicato, come le azioni contro i tibetani non si siano mai fermate. ”Ordini provocatori sono stati dati per le celebrazioni del Capodanno – si legge ancora nel comunicato – appare quindi chiaro che l’intenzione e’ quella di sottoporre il popolo tibetano ad un tale livello di crudelta’ in modo che poi non sia piu’ in grado di sopportare e reagisca. Per questo io faccio appello al popolo tibetano affinche’ eserciti la pazienza e non risponda a queste provocazioni”.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Capodanno silenzioso in Tibet

Di seguito il pezzo dell’Ansa da Pechino.

Quest’anno i tibetani celebreranno in silenzio la festa di Losar, il capodanno, astenendosi dai canti e dai balli che di solito caratterizzano questa festa, in segno di rispetto verso le vittime della rivolta anticinese dell’anno scorso. ”La voce si e’ sparsa in tutto il Tibet e nelle altre zone a popolazione tibetana sin dallo scorso novembre”, ha confermato in una conversazione con l’ANSA la poetessa e blogger tibetana Woeser, che vive a Pechino. La protesta sara’ difficile da impedire, secondo la poetessa, perche’ la celebrazioni consistono nell’andare nei templi – a Lhasa, la capitale della Regione Autonoma del Tibet, migliaia di persone affluiscono nel tempio di Jokang -, accendere le cantare, pregare. ”Ma la gente – prosegue – si asterra’ dalle altre attivita’ normalmente associate alle festivita”’, che sono iniziate oggi e si protrarranno per quindici giorni. Woeser non fa mistero delle sue simpatie per il Dalai Lama, il leader tibetano che vive in esilio in India, ed e’ costantemente controllata dalla polizia, che segue regolarmente anche suo marito, lo scrittore cinese Wang Lixiong. Woeser e’ in contatto con parenti amici a Lhasa: ”Dall’ anno scorso – sostiene – non e’ cambiato niente, le strade sono controllate da centinaia di poliziotti e i militari che sono stati inviati (nei giorni della rivolta) non sono mai andati via…anche se non sempre sono in divisa”. La rivolta anticinese e’ scoppiata proprio a Lhasa, il 10 marzo del 2008, l’anniversario della rivolta del 1959 che si concluse con la fuga del Dalai Lama in India. Secondo gli esuli tibetani nel corso della rivolta, che in seguito si e’ estesa ad altre zone della Regione Autonoma e alle aree di altre province a popolazione tibetana ed e’ proseguita fino alla fine di maggio, sono morte circa 200 persone. Pechino afferma che i morti sono stati in tutto una ventina e che si tratta di civili uccisi dai rivoltosi il 14 marzo a Lhasa, quando gruppi di giovani tibetani hanno attaccato e saccheggiato negozi degli immigrati cinesi. Uno studente dell’Universita’ per le Minoranze di Pechino, che ha voluto mantenere l’anonimato, ha dichiarato al giornale statunitense Los Angeles Times che gli studenti che l’anno scorso avevano chiesto l’autorizzazione a festeggiare Losar hanno rinunciato alle iniziative previste ma le autorita’ accademiche hanno detto loro che devono andare avanti con i festeggiamenti. ”Le celebrazioni sono obbligatorie”, ha sostenuto il giovane. Il portavoce del ministero degli esteri Ma Zhaoxu ha affermato oggi in una conferenza stampa che la situazione nel Tibet e’ ”normale”. ”Ora il Tibet e’ stabile e calmo, la gente ha una vita piacevole”. ”La cricca del Dalai (Lama) – ha proseguito il portavoce – sta cercando di mettere in giro voci false per sabotare la stabilita’ ma e’ destinata al fallimento”. Il Tibet e altre zone a popolazione tibetana delle province del Sichuan, Gansu e Qinghai sono di fatto chiuse dalle forze di sicurezza cinesi. L’accesso viene impedito ai giornalisti – a meno che non partecipino ad uno dei rari viaggi organizzati dal governo – e spesso anche ai gruppi turistici. La polizia cinese ha sostenuto di aver trovato ”una grande quantita’ di esplosivo” sotto ad un ponte nella prefettura di Chamdo, nel Tibet orientale ma non ne ha indicato l’origine. Due settimane fa, secondo gruppi tibetani in esilio, una ventina di tibetani sono stati arrestati a Lithang, nel Sichuan, dopo una manifestazione innescata da un monaco che ha innalzato un cartello con la scritta ”No alle celebrazioni di Losar”.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Per la Cina in Tibet è tutto a posto

La situazione in Tibet e’ ”stabile” a poco meno di un anno dalla rivolta dell’ anno scorso. Lo ha detto oggi la portavoce del ministero degli esteri cinese Jiang Yu in una conferenza stampa a Pechino in una indiretta risposta al Dalai Lama. Il leader tibetano, arrivando ieri in Germania dove gli sara’ conferita un’ onorificenza, ha affermato che il Tibet e’ molto ”teso” e che una nuova rivolta potrebbe scoppiare ”in qualsiasi momento”. Jiang Yu ha sostenuto che il problema del Tibet ”non e’ problema di diritti umani” ma che riguarda ”l’ integrita’ territoriale della Cina”. ”Tutti coloro che conoscono la storia sanno che fin dal 13esimo secolo tutte le dinastie cinesi hanno avuto la sovranita’…il Tibet non e’ mai stato un Paese indipendente”, ha aggiunto la portavoce. Il 10 marzo ricorre il cinquantesimo anniversario della rivolta anticinese che si concluse con la fuga in India del Dalai Lama, che da allora vive in esilio. Il 10 marzo dell’ anno scorso sono iniziate a Lhasa una serie di manifestazioni che il 14 sono sfociate in violenze contro gli immigrati cinesi. In seguito le manifestazioni si sono estese ad altre zone a popolazione tibetana e sono proseguite fino alla fine di maggio. Secondo i cinesi le vittime sono state poco piu’ di venti, mentre i gruppi tibetani in esilio parlano di duecento.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

La Cina s’incazza con i comuni italiani che hanno accolto il Dalai e la Farnesina se ne lava le mani

Il conferimento al Dalai Lama, il leader tibetano in esilio, della cittadinanza di Roma “offende il popolo cinese” e costituisce un’ “interferenza” negli affari interni di Pechino. Lo ha detto oggi la portavoce del ministero degli Esteri cinese, Jiang Yu, in una conferenza stampa a Pechino. Jiang ha detto che l’ Italia deve prendere “immediate misure” per rimediare al danno apportato alle relazioni tra i due Paesi, ma non ha specificato quali. “Le parole e le azioni del Dalai Lama – ha detto la portavoce – dimostrano che non è solo una figura religiosa, ma un uomo politico impegnato in attività secessioniste con la scusa della religione”. I Paesi stranieri, ha aggiunto, dovrebbero “capire e sostenere” la posizione della Cina sul Tibet, che è “completamente parte della Cina”. “Il problema del Dalai Lama non è un problema di diritti umani, ma un problema attinente alla sovranità e alla integrità territoriale della Cina”, ha concluso Jiang. Il Dalai Lama, che nel 1989 ha ricevuto il Premio Nobel per la pace, vive in esilio dal 1959 e chiede per il Tibet quella che chiama una “vera autonomia”. Dopo Roma, oggi sarà la città di Venezia a conferire al leader tibetano la cittadinanza onoraria. Ribadisce il ”fermo sostegno” alla politica di una sola Cina, ma ricorda anche l’autonomia dei comuni italiani. La Farnesina, in una nota, risponde cosi’ alle dichiarazioni del portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Jiang Yu, secondo il quale la cittadinanza onoraria conferita dal comune di Roma al Dalai Lama ”offende il popolo cinese”. La Farnesina, in una nota, sottolinea come ”sia stato gia’ chiarito in altre numerose occasioni all’Ambasciatore cinese in Italia che i comuni italiani sono autonomi e assumono le loro decisioni in assoluta indipendenza dal Governo”. E ricorda ”il fermo sostegno del Governo italiano alla politica di una sola Cina, politica che il Presidente Berlusconi e il Ministro degli Esteri Frattini hanno ribadito ai loro omologhi anche in occasione degli ultimi incontri avuti”.

1 Commento

Archiviato in Free Tibet

Il Dalai lama ricoverato e dimesso dall’ospedale

Il Dalai Lama, il leader spirituale e politico dei buddisti tibetani, è stato dimesso dall’ospedale di New Delhi dove era stato ricoverato per un dolore al braccio. Il settantatreenne premio Nobel per la Pace, farà ritorno domani a Dharamsala, la città nel nord dell’India dove è in esilio dal 1959. “Il Dalai Lama sta bene – ha detto alla stampa Tenzin Takhla, il suo portavoce – e restano confermati per ora i suoi impegni. I medici hanno detto che non corre nessun pericolo, dopo averlo sottoposto a tutti i controlli medici di routine”. Il primo impegno più gravoso per la sua salute, sarà il viaggio in Europa che il leader religioso comincerà il prossimo 8 febbraio e che lo porterà in Italia, a Roma e Venezia per ricevere la cittadinanza e in Germania per ricevere un premio. Il ricovero all’Apollo Hospital, uno dei più grandi ospedali privati della capitale indiana, si era reso necessario stamattina dopo che Tenzin Gyatso, questo il nome del Dalai Lama, aveva patito un forte dolore al braccio. Temendo problemi cardiaci, dopo le prime cure portate a Dharamsala, il leader religioso è stato trasferito nella capitale indiana per accertamenti. Secondo i medici, si è trattato solo di una tendinite che non preclude nessuna attività per il Dalai Lama che ora si trova in un albergo nei pressi dell’ospedale e domani farà ritorno alla sua residenza. Il premio Nobel per la pace era stato già ricoverato due volte l’anno scorso, ad agosto e a ottobre, per problemi intestinali. Nella prima occasione, fu ricoverato a Mumbai di ritorno da un viaggio in Francia. Ad ottobre, invece, fu ricoverato a New Delhi per calcoli biliari. L’anno appena cominciato sarà molto particolare per il leader religioso, in quanto il prossimo marzo ricorre il 50mo anniversario della occupazione cinese del Tibet e della partenza per l’esilio indiano del leader religioso e politico. Gruppi di supporto e attivisti della causa tibetana di tutto il mondo stanno organizzando manifestazioni e si temono scontri contro le autorità e la polizia cinese, del tipo di quelli che l’anno scorso interessarono la vigilia delle olimpiadi di Pechino.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Dalai Lama: no a dimissioni e a indipendenza

Il Dalai Lama ha accettato le risultanze del meeting speciale concluso ieri a Dharamsala, nel nord dell’India, ma ha preso le distanze dalla ricerca dell’indipendenza dalla Cina. Il leader spirituale e politico dei tibetani, che ha ottenuto ”un nuovo mandato”, lo ha detto oggi in conferenza stampa nella citta’ dell’India del nord dove ha sede il governo tibetano in esilio e dove fino a ieri, per una settimana, si sono riuniti oltre 600 tra tibetani, monaci e sostenitori della causa tibetana di tutto il mondo. ”Non c’e’ nessun motivo perche’ mi ritiri – ha detto il 73nne premio Nobel – fino a quando ci sara’ un governo tibetano io saro’ a mezzo servizio, ma non mi dimettero’. Diventero’ un normale cittadino solo quando l’ultimo tibetano sara’ tornato in Tibet”. Il leader religioso ha ribadito, come gia’ fatto in passato, che il suo popolo e’ in pericolo, che la sua ”via di mezzo” e’ l’unica strada percorribile e che l’indipendenza e’ ”impraticabile”. Una risposta secca, quindi, alle indicazioni venute al termine della riunione di ieri, dalla quale e’ uscita forte la richiesta di perseguire l’indipendenza da Pechino se la ”via di mezzo” che dovrebbe portare ad una genuina autonomia del Tibet da Pechino, dovesse nel giro di qualche anno, fallire. Il Dalai Lama, che ha avuto un ampio mandato dall’assemblea sulla sua persona, ma con la richiesta di verifica a tempo della sua politica, ha detto che i tibetani dovrebbero ora parlare con il popolo cinese non solo con il governo, sperando anche nell’appoggio della comunita’ internazionale. Il premio Nobel per la pace aveva paventato le sue dimissioni se richieste dai tibetani, soprattutto per tenere a bada i giovani tibetani che, nella ricerca dell’indipendenza, non disdegnano anche lo scontro fisico contro i cinesi. Il Dalai invece ha ribadito, come gia’ indicato ieri dall’assemblea, che comunque la politica dei tibetani sara’ sempre incentrata sulla non violenza.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Domani riunione speciale sul futuro del Tibet

Hanno cominciatoano ad arrivare oggi a Dharamsala, nel nord dell’India, le centinaia di dirigenti tibetani in esilio attesi per la riunione, al via da domani fino al 22, convocata per stabilire una nuova strategia sul futuro del Tibet dopo l’insuccesso nei rapporti con la Cina riconosciuto anche dal Dalai Lama. Una strategia che da più parti si ritiene debba basarsi su una rinnovata intransigenza, insistendo sul riconoscimento dell’indipendenza da parte di Pechino e abbandonando quindi la linea che vedrebbe come auspicabile anche uno status di autonomia. La riunione, la più massiccia della comunità tibetana da 60 anni a questa parte, potrebbe inoltre dettare i tempi per un’uscita di scena del Dalai Lama, dal momento che la sua “via di mezzo”, l’azione non violenta nei confronti della Cina nella richiesta di una completa autonomia, è fortemente criticata soprattutto dai giovani. Il leader spirituale e politico dei tibetani, che dal 1959 è costretto a vivere in esilio a Dharamsala, nelle scorse settimane ha esternato la sua frustrazione e delusione nei confronti delle trattative con Pechino, parlando di “perdita di fiducia” e di scomparsa del Tibet. Dal 2002 emissari del Dalai Lama e rappresentanti cinesi sono stati impegnati in regolari incontri in una linea di dialogo che sembra però irreparabilmente interrotta dopo che la scorsa settimana la Cina ha affermato che non farà “mai concessioni” al Tibet, escludendo anche la possibilità di una “semi-indipendenza”. Oggi il Dalai Lama ha accolto i primi delegati giunti nella città indiana dicendo che l’obiettivo dell’assemblea è di raccogliere “le vere opinioni e punti di vista del popolo tibetano attraverso discussioni libere e franche”. Si prevede che durante l’assise venga presentata una mozione che rivendica l’indipendenza, ma l’assemblea non ha alcun potere decisionale e dovrà quindi rimettersi alle decisioni di Parlamento e governo in esilio. La riunione è vista da molti in ogni caso come “un momento di svolta”, ne è convinto Sonam Dolkar, dell’organizzazione degli ex prigionieri politici ‘Go Chu Sum’ che fa parte dell’ala indipendentista, “é arrivato il momento per il popolo tibetano di riflettere sul proprio avvenire e di decidere quale direzione prendere”. “I cinesi attendano che sua Santità (il Dalai Lama, che ha 73 anni e problemi di salute) muoia perché pensano che ciò segnerà la fine del movimento tibetano – dice Tenzin Choeying leader degli ‘Studenti per un Tibet libero’ -. La comunità tibetana deve prendere in mano il suo avvenire”.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

La Cina chiede all’india di bloccare riunione speciale governo tibetano

Il governo cinese ha chiesto a quello indiano di bloccare l’incontro di sei giorni convocato dal Dalai Lama a Dharamsala, nel nord dell’India, il 17 novembre per discutere del futuro del Tibet. Lo scrive l’edizione on line del quotidiano The Times of India, riportando le dichiarazioni in conferenza stampa a Pechino di un portavoce del ministro degli esteri cinese. ”Il governo indiano si e’ impegnato solennemente a bloccare ogni attivita’ anticinese sul suo territorio. Speriamo che questa promessa verra’ mantenuta”, ha detto Qin Gang, portavoce del ministro degli esteri di Pechino. Secondo Gang, chiunque partecipi all’incontro organizzato dal Dalai Lama, non potra’ essere accettato dal popolo cinese, il cui governo ”e’ contrario a chiunque tenti di dividere la nazione o far emergere questa questione interna sulla scena internazionale”. L’India si era impegnata, alla vigilia dei giochi olimpici di Pechino, a bloccare attivita’ anticinesi sul territorio indiano e in cambio il governo di Pechino ha lodato l’impegno di New Delhi. Ma questa nuova richiesta non e’ contro i manifestanti pro Tibet, ma e’ diretta contro il Dalai Lama, che il governo di Pechino chiede a Delhi di fermare. Le diplomazie dei due paesi sono scese in campo per affrontare la questione. L’India teme da parte cinese una ”vendetta” nei confronti dell’Arunachal Pradesh, lo stato indiano mai riconosciuto dalla Cina che lo considera invece parte del proprio territorio. Il 17 novembre, a Dharamsala, la citta’ del nord dell’India dove ha sede dagli anni 50 il governo tibetano in esilio, si terra’ una riunione speciale degli organi di governo e amministrativi del Tibet. L’incontro e’ stato voluto dal Dalai Lama per decidere la nuova strategia futura sul Tibet, che potrebbe anche prevedere la sua uscita di scena, dal momento che la sua ”via di mezzo”, l’azione non violenta nei confronti della Cina nella richiesta di una completa autonomia, e’ fortemente criticata soprattutto dai giovani tibetani che sono per un intervento piu’ deciso. Il leader spirituale e politico dei tibetani ha nelle scorse settimane, esternato la sua frustrazione e delusione nei confronti delle trattative con Pechino, parlando di ”perdita di fiducia” e di scomparsa del Tibet. L’ultimo round di colloqui a Pechino tra inviati del Dalai Lama e governo cinese e’ terminato da poco, ma da parte tibetana non ci sono stati commenti che, hanno annunciato stamattina i due inviati, verranno fatti solo durante l’incontro speciale del 17 novembre.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet

Silezio stampa degli inviati del Dalai sui colloqui in Cina

Gli inviati del Dalai Lama a Pechino non intendono fare dichiarazioni sui risultati dell’ottavo round di colloqui con le autorita’ cinesi, prima della riunione speciale indetta dal Dalai Lama per la prossima settimana. Lo si legge in un comunicato ufficiale dell’inviato speciale del Dalai Lama, Kasur Lodi Gyari. Nel comunicato Gyari scrive che gli inviati ”sono stati invitati dal Dalai Lama a non fare dichiarazioni prima del meeting generale del popolo tibetano”. Gyari, accompagnato da Kelsang Gyaltsen, Sonam N. Dagpo, Bhuchung K. Tsering e Kalsang Tsering, ha visitato la Cina dallo scorso 30 ottobre fino al 5 novembre per una serie di colloqui che sono stati definiti infruttuosi dalle autorita’ cinesi. Si prevede gia’ che centinaia di tibetani accorreranno a Dharamsala la prossima settimana per partecipare all’incontro voluto dal Dalai Lama per fare il punto sulla situazione del Tibet e sui rapporti con la Cina. Il leader spirituale tibetano si e’ detto preoccupato della mancanza di progressi nel processo di dialogo sino-tibetano. Pochi giorni prima dell’ultimo round di colloqui a Pechino, il Dalai Lama aveva dichiarato di ”stare perdendo fede e speranza” nella possibilita’ di trovare un accordo con la Cina sulla questione del Tibet.

Lascia un commento

Archiviato in Free Tibet