Carta di identità per omosessuali in Nepal

Una ventunenne nepalese e’ diventata la prima cittadina del suo paese ad essere riconsciuta come appartente al terzo sesso. Bishu Adhikari, originaria di Pokhara nel nord ovest, citta’ che ha dovuto lasciare perche’ oltraggiata e minacciata dai suoi parenti e vicini che avevano scoperto la sua omossesualita’, ha ricevuto oggi dal governo nepalese la prima carta d’identita’ del paese nella quale c’e’ scritto ”terzo”, inteso come sesso, invece che mascio o femmina nella categoria ‘genere’. La ragazza, con l’aiuto della ONG Naulo Bihani che si interessa dei diritti di gay e lesbiche in Nepal, aveva chiesto una carta di identita’ nel distretto di Kaski, specificando che avrebbe voluto che comparisse la dicitura del terzo sesso. La ragazza ha preso la sua decisione dopo la visita istituzionale nella sua ex citta’ di Sunil Babu Pant, il primo parlamentare nepalese dichiaratamente omosessuale. Durante la sua visita, Pant aveva discusso dei diritti degli omosessuali, spingendoli a chiedere diritti e soprattutto documenti di indentita’ che attestassero la propria appartenenza al ”terzo sesso”. Ad Adhikari erano state offerte carte di identita’ che la identificavano come uomo, visto che il suo aspetto e’ simile a quello maschile, ma lei le ha sempre rifiutate. Il via libera alla donna e’ stato dato dalla suprema corte nepalese che l’anno scorso ha emesso un giudizio fondamentale per gli omossessuali del paese, dichiarandoli ”persone naturali”. La corte chiese cosi’ al governo di rimuovere tutte le discriminazioni contro la comunita’ omosessuale e assicurare per loro gli stessi diritti degli altri. L’anno scorso Chanda Musalman, un gay che divenne transgender, vestito come una donna, ricevette parziale accoglimento della sua richiesta di avere una carta di iidentita’ nella quale era segnalato come donna. Il municipio di Kathmandu, infatti, non sapendo come comportarsi, scrisse ”sia maschio che femmina” nella categoria del sesso sul documento di identita’.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Diario dal subcontinente

Una risposta a “Carta di identità per omosessuali in Nepal

  1. Marchino

    il mondo è bello perchè è vario …variante..il mondo è bello perchè è “avariato”..spesso la realtà
    è più assurda della fantasia, ecco perchè i film sono sempre tratti da storie vere…
    addirittura se non sbaglio, tempo fà (magari ho letto male..) mi sembra di aver letto un’articolo da qualche parte dove diceva che il sesso è dato
    dai cromosomi con la forma x e y e recentemente hanno scoperto che ci sarebbe un terzo più piccolo cromosoma (sempre con la forma x o y) per cui le combinazioni del sesso sarebbero circa 6 ed arriverebbero fino ad 12 con le operazioni di sesso varie…per cui che casino !! pensate se le gare sportive non fossero divise più tra uomini e donne ma tra le varie categorie di sesso…
    Magari Nello, è il caso che sul tuo blog, apri una sezione di cose strane curiosità dal mondo asiatico..tempo fà giravano in rete le leggi assurde dei vari paesi, magari puoi aggiungere anche quelle..forse a casa ho qualcosa..se vuoi nel caso…
    Io comunque sono rimasto sconvolto da un’altra notizia di tutt’altro genere di 3-4 giorni fà..e cioè che a Novi Ligure dopo il lancio delle pietre sull’autostrada (come sport e per noia)..hanno lanciato un frigorifero sulle macchine e una lavatrice…dove finiremo…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...